Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1957 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

martedì 24 maggio 2011

Mini Pocket n.1-Super Teatrino -lire 500-Editore Sansoni-Marzo 1974*****


Sull'onda dei vendutissimi Oscar Mondadori ecco anche i mini pocket (pochet in copertina) dell'Editore Sansoni. Questo è un numero particolare perchè contiene variazioni e sperimentazioni di Nicola Del Principe, colonna portante della Del Ponte/Bianconi/Metro ed autore di innumerevoli storie umoristiche di Trottolino, Soldino, Tom & Jerry e moltissimi altri. Nato come disegnatore realistico ottenne la massima visibilità con questo tipo di pubblicazioni. Una produzione così vasta che credo che tutti gli italiani nella loro vita abbiano visto almeno una volta una tavola del grande Nicola.

Apriamo il sipario del Super Teatrino:

Nonno Grappino-Grappino e il vulcano sommerso :

A Nicola del Principe, chissa perchè, l'editore Bianconi non fece disegnare Braccio di Ferro. L'autore allora creò per l'editore Sansoni un simpatico clone: Nonno Grappino. Come scrive Giorgio Medail nella prefazione "Un vecchio, irresistibile, marinaio che non conosce avversari e, come avrete capito dal nome, è molto affezionato alla grappa: con un sorso diventa più forte di Ercole, Maciste e Nembo Kid messi insieme: La sua specialità è quella di trovare tesori nascosti: in questo nessuno lo batte, nemmeno Barbanera il suo eterno avversario". Il personaggio è molto simpatico ed il tocco "italiano" della grappa lo rende veramente ruspante e nostrano. Grappino è in pratica una versione "Super-Sayan" di Nonno Trinchetto. Il vecchio vive nei pressi della casa di riposo del marinaio di Vattelapesca che ha un direttore identico al ministro Scartoffia di Bancarotta. Il nemico Barbanera è una versione remix del Duca Frittella e di Bluto con i tatuaggi di Popeye.*****



Arsenio Topen- L'occhio di Siva e la vendetta di Maramaldo -di Roberto Peroni Corbella ( figlio di Ferdinando Corbella?)



"Ladro gentiluomo che ruba ai ricchi per donare ai poveri. Questo elegante topo in cilindro ne sa una più del diavolo e non c'è cassaforte che gli resista. I suoi nemici? Oltre alla polizia di Parigi c'è Maramaldo, un gattaccio senza scrupoli". Lo stile di Peroni Corbella è particolare, I volti dei personaggi "furry" sembrano incollati alla Sbattella su corpi umani e realistici. La storie potrebbero essere dei decenti fill-in di Kriminal o Diabolik visto che hanno una sceneggiatura quasi "nera" e relativamente umoristica. Maramaldo risulta più simpatico del topo gagà che è leggermente inquietante e sembra un nano con una maschera da sorcio. Per certi versi lo stile ricorda l'underground americano, il tono infantile viene concesso da una colorazione vivace. Una chicca*****









Lupastro Disastro-tutto fare e la diga del castoro-di Nicola del Principe con testi di Pizzardi
Personaggio un pò fiacco e clone senza fantasia del Lupo de Lupis di Hanna & Barbera. Storielle viste e riviste senza particolari guizzi, tranne la presenza di una cappuccetto rosso violentissima che anticipa le visioni fiabistiche alternative dei comics e del cinema odierni. ***



Grillo Gigi-W la Megagrillopolese

Grillo Gigi è un tifoso della sua squadra di calcio alle prese con scandali calciopoleschi e arbitri corrotti. La guida al fumetto Italiano di Gianni Bono lo attribuisce a Leone Cimpellin ma io credo che l'autore sia Giancarlo Mangini, autore molto attivo negli anni 70 con parecchie vignette erotiche e che ricordo disegnava anche alcune storie di Stanlio & Ollio dell'edizioni il Picchio. Il nome dell'autore mi è stato suggerito dal grande Sandro Dossi su Facebook.
Lo stile di Cimpellin era di gran lunga più curato.



Niki-E' arrivato l'ambasciatore-di Nicola del Principe


La versione Sansoni di Paperetta Yè-Yè con storie molto teen e contestarie. La comitiva di Niki sembra un manifesto Benetton degli anni 80 con il cinese (con la treccia e l'elle moscia) il pellerossa (con la penna d'aquila) , la negretta riccioluta che sembra uscita da un telefilm delle Simpatiche Canaglie , il messicanino con il sombrero alla Speedy Gonzales ed altri stereotipi tipici pre-globalizzazione e obbligatoria narrazione politically correct. I piccoli contestari combattono i sorprusi dei McGregor , corrotti burocrati di DreamTown. Storia molto carina****



L'albo è consigliatissimo per lo splendido rapporto qualità prezzo, max una cinquina di euro. ... il problema come al solito è trovarlo.

6 commenti:

  1. Un altro clone di Trinchetto lo troviamo nella saga di Pepito, dove Bottaro inventa Baciccin, papà di Ventoinpoppa. http://www.lucianobottaro.it/img/img-gif/char/pepito/comp/bacic.gif

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un altro clone , secondo me è il disneyano Moby Duck che negli anni 70 spopolava.

      Elimina
    2. Non credo di avere più di un paio di storie brevi in cui appare Moby Duck... Quasi sempre disegnato da Barosso (mi pare).

      Elimina
  2. A me pareva che le storie con Moby Duck su Topolino anni '70 fossero USA, cioè non creazione nostrane.

    Fra l'altro Moby Duck è stato ripreso un paio di anni fa (ma senza Porpy e Paperotto) per "Le storie della Baia".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Inducks non riporta disegnatori italiani nelle storie con Moby Duck.

      Elimina
  3. (fin) da piccolo mi divertivo a cercare di indovinare chi fossero i disegnatori delle varie storie (all'epoca non erano indicati in calce come oggi) e fra l'altro avevo riconosciuto Cavazzano e Bottaro paragonando i loro disegni coi fumetti che facevano per il Giornalino.
    Riconoscevo facilmente così le storie "USA", ovvero palesemente non di autori italiani, anche perché giravano su alcuni personaggi: i Bassotti e i loro cugini (sterminati come i bis-bis di Pippo), Moby Duck, Ezechiele Lupo, Ser Lock. Oltre a essere "cifrate" in modo diverso rispetto alle altre.
    A dire il vero non sono sicuro che gli autori siano USA come è altrettanto vero che alcune di esse riprendevano personaggi "principali".


    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...