Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (18) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1977 (11) 1983 (11) 1968 (10) 1985 (10) 1988 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1965 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1970 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1957 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1996 (4) 1998 (4) 1954 (3) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

mercoledì 24 ottobre 2012

Andy Capp il telefilm


Penso che tutti conoscano il pigro sbevazzatore e la povera moglie Florrie creati  da Reg Smythe  nel lontano 5 agosto 1957.  I due protagonisti ebbero vita fumettistica lunga in Italia, fecero la fortuna di molte pubblicazioni dell' Edizioni Corno e per molti anni furono pubblicati sulla Settimana Enigmistica con il nome di "Carlo e Alice".
Non molti sanno che una  sitcom british di soli sei episodi è stata tramessa nel 1988 .
La serie era ben recitata e comprendeva tutti i comprimari  presenti nelle tavole disegnate, peccato che non ebbe molto successo e non fu mai replicata.
Esiste un cofanetto di due dvd che contiene tutti gli episodi trasmessi in televisione.
Qui sotto potete vedere la sigla del telefilm.

11 commenti:

  1. Il telefilm mi sembra un po' "lento" stando a questo trailer...

    Ho conosciuto Andy Capp attraverso le strisce pubblicate sulla Settimana enigmistica, e l'ho anche letto in un altro paio di occasioni, ma non ricordo quali... Non mi ha mai particolarmente esaltato come fumetto.

    Certo che 2 DVD per 6 episodi... :|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. é giusto che sia lento, neanche la strip di Andy mi sembra così frenetica.
      Io lo trovo molto fedele.

      Elimina
    3. Beh, i tempi in un fumetto sono scanditi dalle inquadrature... Ricordo che talvolta nelle strisce di Andy Capp c'è una vignetta uguale alla precedente come posa dei personaggi e inquadratura, ma senza parole, poi viene detta la battuta conclusiva... In questo senz'altro il telefilm è fedele, ma non so quanto questo adattamento esalti lo spettatore, che magari oggi cerca dal prodotto televisivo qualcosa di immediato, al ritmo di uno spot.
      Purtroppo quando hanno girato questa miniserie, l'epoca del "Maigret" con Gino Cervi o de "I sopravvissuti" era bell'è passata... :(

      Elimina
  2. Ma quell'Andy Capp lì e Jack di "New Tricks"? Mamma mia...

    RispondiElimina
  3. Il problema delle sit-com è che sono basate quasi totalmente sull'istrionismo, vorrei dire quasi la "clownerie" degli interpreti ( le trame quasi non esistono ).
    Se questi interpreti però non sfondano, non entusiasmano, addio. Probabilmente è stato questo il caso di Andy Capp.

    RispondiElimina
  4. Assolutamente vero, rappresentare i personaggi dei fumetti rimanendo nel loro spirito poi è ancora più difficile, di solito si "toppa" (Valentina, Lucky Luke). Che io ricordi l'unico telefilm tratto da un comic e davvero bello era quello francese su Tanguy e Laverdure ( a proposito di roba retronika).
    Per quel poco che vedo Andy Capp poteva anche funzionare.
    Ma quello lì è PROPRIO Jack di "New Tricks" ed è l'unico attore che trovo più brutto da giovane che da vecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, i Cavalieri del Cielo...all'epoca non li ho visti, ma gli interpreti sembrano molto azzeccati.
      Il casting conta come sempre moltissimo.
      Poi credo ci sia anche una ragione psicologica a rendere la resa rischiosa, il fatto cioé che - nel caso di uno stile umoristico, non troppo naturalista - ogni lettore, credo, fa mentalmente una sua trasposizione 'realistica' dei personaggi e li immagina in un certo modo. E' pertanto difficile accontantare tutti ( per esempio io ho trovato tremendi i comprimari di Tintin nella resa di Spielberg ! ).

      Neanche a me vengono in mente altri telefilm apprezzabili tratti da personaggi umoristici nati sulla carta.
      Gli Addams, forse...?

      Elimina
    2. Non sapevo ci fosse stato un telefilm di su Tanguy e Laverdure . New Tricks non so proprio cosa sia. Gli Addams sono anche meglio del "fumetto" che fumetto non era ma soltanto vignette. Mi pare che il fumetto poi uscì dopo la serie animata di Hanna & Barbera.

      Elimina
  5. New Tricks è un telefilm inglese. Un gruppo di "vecchiacci", detectives in pensione, viene ri-arruolato in Polizia e si forma una squadra, agli ordini di una donna, per riesaminare vecchi casi irrisolti con l'aiuto di nuovi metodi tipo il DNA ecc.
    Trattandosi di un prodotto inglese il livello di umorismo, ironia e umanità è (a mio avviso) pari a 10 volte quello di analoghi prodotti USA.
    James Bolan - Andy Capp interpreta l'ex "detective superintendant" Jack Halford.
    PQR gli Addams, il telefilm è un gioiello "campy", ma quelli originariamente disegnati da Charles Addams a me fanno ridere "nero" (apprezzo il black humor se intelligente). Giudicate voi:

    http://thegoldenagesite.blogspot.it/2015/01/charles-addams-1912-1988-homebodies-1954.html

    RispondiElimina
  6. Ho diverse vignette di Chas Addams su un volume antologico del New Yorker e concordo con J_D, sono favolose.
    New Tricks lo conosco solo di fama, ma se è sullo stile dell'Ispettore Barnaby e Jack Frost ( a proposito, David Jason è un altro bell'esempio di attore più gradevole da vecchio che da giovane ) non dev'essere male davvero. Peccato non gli abbia dato uno sguardo quando ancora vedevo La7.
    Non tutto quello che arriva da Albionland è oro, televisivamente parlando ; ma con Yankeeland non c'è gara, vince Albion a mani basse.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...