Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 2016 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 1957 (5) 1961 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1) 2017 (1)

mercoledì 28 novembre 2012

I SUPERAMICI terza stagione 1978 Episodio 06 - L'attacco dei vampiri (Superfriends-The monolith of evil)****


La serie sulla Justice League DC di  Hanna e Barbera è sicuramente la meno rispettosa dei characters  tra quelle prodotte, ma in alcuni episodi le sceneggiature erano cosi geniali  che attualizzate farebbero faville. I personaggi più odiosi sono i due  supergemelli  con i poteri di Tiramolla: Zan e Jayna  accompagnati dalla scimmia Gleek che hanno la capacità di ridurre in poltiglia qualunque abbozzo di trama decente.




E’ vero che a fumetti e anche in animazione abbiamo visto più volte Batman contro Dracula, ma una saga con tutta Vienna vampirizzata è cosa degna del World War Z di Max Brooks (attendo il film con ansia, ho appena visto il trailer ed è epico , si vede già che il movie sarà lontanissimo dalle atmosfere del libro ma potenzialmente è il più grande film sugli zombies mai realizzato). Tornando in tema, “L’attacco dei vampiri” è germinale, esagerando come al solito il mio nerdcervello mi dice che l’episodio anticipa alcune atmosfere di 30 days of night di Steve Niles e Ben Templesmith ed ha l’incipit di Incubo sulla città contaminata di Umberto Lenzi , peccato che il tutto sia stato concepito per un pubblico di bambini  e quindi senza quel minimo di splatter and gore che la trama meritava.



Nessun morso vampiresco , il contagio si trasmette grazie a dei raggi ottici ed una polverina che il caro Vlad Tepes utilizza all’inizio su di un areo di linea  transilvano diretto in Austria contagiando anche bambini e vecchie.



Le fila di vampiri si allargano , Vienna è sotto assedio e la piaga dilaga . Un grande incubo transilvano condito da  morti viventi invero truci, tenendo conto del target kinder sopresa.








I primi a muoversi sono Batman e Robin , ma vengono catturati dal Conte Dracula, incatenati ed immersi in pozzo che si riempe d’acqua a poco a poco (la tensione tipica del Batman di Adam West  che in quel periodo era ancora cosa recente). “ Per mille pozzi artesiani” è l’esclamazione di Dick Grayson.


Wonder Woman e Aquaman  attaccano la zona del porto e non riescono a raggiungere il castello perché assediati da un gran numero di vampiri.


Superman sborone dice “allora lo meno io a stò anemico” ma viene subito ammansito dal raggio di Drakul divenendone l’arma più potente.  La potenza della magia occulta amplia i gia vasti poteri di Kal-El.


Vienna è condannata , gli abitanti vengono contagiati a frotte è non c’è più nessuna speranza. Solo i due superscemogemelli restano alla base dei Superamici e decidono di correre in aiuto dei veri eroi. Resta di stucco e un barbatrucco e Zan si trasforma in un razzo a vapore (si vapore) e con la graziosa sorella parte per l’Austria.


I due arrivati hanno un piano geniale : tratto dal manuale “come sopravvivere all’attacco di un gruppo di vampiri”. Cosa semplicissima …ci vogliono un Mammuth e dell’acqua ghiacciata! I due scimuniti scordano che tra il branco di morti viventi c’è Supes e la sua vista calorifica. I due  finiscono vampibabbeizzati immediatamente (dovevano morì…).


Batman intanto si libera con una batsega (ehm…) e salva Robin mezzo annegato perché  nano.


Aquaman si stufa di guardare le cosce di una impaurita Wonder Woman e fa schiantare un capodoglio sui poveri austriaci contaminati.


Nel frattempo un sexy scienziata orientale che sembra uscita da Brazzers comunica a Batman che le scorregge di un pipistrello sud americano sono l’unico rimedio contro la vampiringite.


Mentre Nembo Kid continua la sua opera di contaggio l’uomo pipistrello e il ragazzo meraviglia vanno a recuperare il gas antidoto in una caverna e si imbattono anche nel famoso ragno gigante che si trova in tutte le grotte dei cartoni fantasy.





Superman e Vienna vengono alfine liberati dalla maledizione e l'eroe decide di attaccare Dracula nel suo maniero...come fare? Clark Kent ci svela un suo nuovo potere "il raggio gommaflex" che è in grado di cammuffarlo in quel che vuole e quindi si finge ancora vampirizzato.


Calci in culo a Dracula e fine della storia con la solita “gag finale” questa volta affidata alla scimminkia che si traveste da vampiro e fa venire il cagotto a Zan.


Io l’episodio l’ho visto in italiano sul tubo.

4 commenti:

  1. Ho un vago ricordo di questo episodio... Seguivo i Superamici quando li trasmettevano, sebbene non fossero il mio prodotto Hanna&Trinchetto (pardon, Barbera) preferito.

    Geniale che Superman venga vampirizzato e la tuta gli cambi colore, forse una presunzione che il pubblico di fanciulli non avrebbe capito cosa successo?

    A pensarci, devo dire che tra questi Superamici e il più recente He-Man, la distanza in fatto di stravaganze e varietà di personaggi e breve...

    [e tornando a Trinchetto, ti ho spedito una cosetta...]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gaspare, stasera ci butto un occhio e posto. Ho modificato il layout del Blog e accorpato le recensioni mie alle vostre per maggiore organicità e semplicità di lettura, infatti in alto ora c'è soltanto la voce "recensioni" che le comprende tutte, mie e degli aficionados come te.

      Elimina
  2. Qualche tempo fa ho visto attraverso un canale SKY ( forse il 607 ) un episodio della serie The Brave and The Bold in cui Bats è in team up con Scooby Doo, il tutto girato come se fosse un episodio dei Superamici ( colori da candeggio sbagliato, errori inconcepibili come una mano di Bats snudata a rosa , ricorso eccessivo ai Bat-gadgets e violenza inesistente ). Il tutto ancora + efficace perchè all'interno di una serie di qualità con un tratto che rilegge Dick Sprang e tutte quelle citaz che ai nerds piacciono tanto. Lo stesso show presentava anche un Bat-manga, tra l'altro.
    Una incarnaz successiva dei gemelli - non ricordo il loro nome - è citata nella ultima serie dei Giovani Titani ( Johns /Daniel ) pre-reboot dell'estate 2011 che ha azzerato tutte le serie DC x rilanciarle . In quelle storie, i due sono geniali adolescenti che contribuiscono a riparare il corpo di Vic " Cyborg " Stone.
    Una curiosità: la serie camp di Batman e Robin con West e Ward ( in rotation in questi gg sul canale Retro di Sky ) al tempo ebbe tanto successo da cambiare il mood del fumetto
    ( fino alla svolta hard boiled di O'Neil ed Adams ) e imporre Bats nel maggior numero di testate possibili. E' lo show interrotto dalla comunicaz di prossimo disastro spaziale in Apollo 13 di Ron Howard. Era il 1973 e i bat episodi erano replicati dal 1966, ma parecchi fans, indignati, chiamarono l'emittente protestando xchè il telefilm era stato interrotto ( ! ).
    Altra curiosità: Frank Miller ha dichiarato che il suo detestare lo show è stata una molla che lo ha spinto nella direzione del suo cupissimo Dark Knight Returns.
    Ultima curiosità: anni fa, Grant Morrison, dalla colonna della posta di un albo originale dei suoi Invisibles, confessava che il Bats del suo cuore era quello che correva sorridente incontro al lettore , di giorno.
    E due decenni dopo Grant è riuscito - complice il concetto di Ipertempo che ha teorizzato con Mark Waid ( tutte le storie sono vere, da qualche parte ) - a sintetizzare un Batman che ha vissuto tutte le storie, quelle in cui il Joker paralizza Babs Gordon e quelle con il Bat-Mite. Gosh, Batman ! Per tutte le trame ingarbugliate !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie crepascolo, la mano snudata c'è anche in questo episodio, leggo e vedo molta roba recente ma per l'indirizzo dato al blog non mi allargo mai a citazioni "moderne" che bensì conosco (alla fine ho appena 41 anni anche se non si direbbe). I commenti esaustivi come il tuo fanno la gioia dei miei occhi, anzi perchè non mi recensisci qualche roba vintage che la sbatacchio sul blog? The Brave and the Bold mi è piaciuta molto proprio per le strizzatine nerd , un pò meno il videogame. Nell'episodio dei superfriends , a proposito del batman di Ward c'è anche una riproposizione delle famose "scalate di palazzo" con telecamera inclinata (mitica quella con guest star Lurch della famiglia Addams). Continua a commentare che godo

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...