Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (18) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1977 (11) 1983 (11) 1968 (10) 1985 (10) 1988 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1965 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1970 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1957 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1996 (4) 1998 (4) 1954 (3) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

lunedì 18 febbraio 2013

Il Cucciolo di Alberico Motta-Chicca in salsa Alpe reperita da Luca Montagliani (Laca de la Vega)

tratta da la ballata delle pallate

Cito Laca:


Guarda che bel bilanciamento degli spazi e dei neri...!!!
E Motta, spesso, faceva queste storie tutte composte da splash page piene di giochi... le prime storie giocabili...dell'editoria!!!


10 commenti:

  1. Alberico Motta è un grande Maestro del fumetto! Purtroppo non abbastanza conosciuto dalla critica e celebrato come si dovrebbe. ( come del resto tutti gli altri autori Bianconi/Alpe!)

    RispondiElimina
  2. Altro grande recupero, notevole come soluzioni oggi considerate rivoluzionarie abbiano delle radici così vecchie e popolari.
    A questo immagino che Motta fosse anche l'autore di questo:

    http://lucalorenzon.blogspot.it/2011/02/fumettisti-dinvenzione-5.html

    RispondiElimina
  3. @ Luca Lorenzon - IL CONFUSIONIFERO (1963) è una storia di Giorgio Rebuffi e non era il suo primo esperimento metafumettistico.

    Le prime sperimentazioni (e storie corali che si rivolgevano direttamente al lettore coinvolgendolo in prima persona) risalgono addirittura al Luglio 1952 con "La rivista di Cucciolo". Se ne trovano tracce anche sui primi Tiramolla e sulle serie di Giotto il bassotto che il Reb ha fatto per Bianconi.
    C'è da dire che in quegli anni si aveva di base un quotidiano piacere per la sperimentazione e la ricerca di nuove soluzioni narrative, per l'autore e per i lettori...!

    Ma ecco uno spiegone più completo...

    Le metafumettistiche (così si usa dire nella terminologia critica moderna...) avventure di Giotto il bassotto debuttano sul N°7 di "Soldino" del 1958, testata sorella di "Trottolino", nata per dare sfogo, spazio e successo all'ipervitaminica vegliarda meglio nota come Nonna Abelarda.
    Il bislungo canide chiamato Giotto, oltre ad esser il narratore delle dadaiste vicende del principato di Maldicallemburg e della sua agitata popolazione, si occupa con discontinuo entusiasmo anche di disegnare, con un enorme pennello, tutti i fondi e le vignette (anche qui trattate con linee divisorie prive delle chiuse laterali) delle pagine proposte ai lettori, in tempo reale.
    Tavole composte da forme essenziali, sghembe e dinamiche con il consueto divertimento grafico tutto a pennello.

    C'è da dire che Motta ha sin da subito dimostrato una personale e raffinatissima interpretazione dei personaggi e una verve surreale dove era palese anche il suo divertimento nell'esecuzione e nella narrazione.
    Buon per noi...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puro Vangelo, difatti avevo avuto modo di segnalare anche Giotto:

      http://lucalorenzon.blogspot.it/2011/10/fumettisti-dinvenzione-25.html

      A una Lucca di qualche anno fa avevo preso apposta il volume Annexia con le storie del Fantasma Aiace che in appendice presentava Giotto (volumetto consigliatissimo anche perchè ci sono le matite di un'ultima avventura inedita). Può darsi che ci siamo incontrati in quell'occasione?
      Non vorrei fare confusione, ma ricordo di aver chiesto se anche l'Ottag fosse nei programmi e mi era stato risposto di sì, anche se non imminente.

      Elimina
  4. "Il confusionifero" ce l'avevo!!! Ne ho parlato tempo fa in un articolo su Retronika!
    Credo stesse su quel memorabile Tutto Cucciolo che conteneva anche un Top Mix con la saga di Topistrel!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare che una storia di Top Mix ci sia, e anche "Topistrel" mi suona familiare... proverò a controllare. Magari ne faccio una recensione per Retronika.

      Elimina
    2. Topistrel è l'antagonista di una storia thriller di Top Mix, divisa in 3 capitoli ("Il mistero della miniera", "Topistrel" e "Brr... che paura!"), pubblicata intera su un albo di Top Mix poi riunito in una raccolta di Tutto Cucciolo... Però la storia è anche apparsa a puntate su un'altra pubblicazione Alpe recensita da Salvatore tempo fa.
      Ovviamente sto cercando come un matto di recuperare quel "Tutto Cucciolo", ora anche perché c'è la storia "Il confusionifero"!

      Elimina
    3. Nel mio fascicoletto devastato di 82 pagine non c'è, però mi ricordo di aver letto una storia di Top Mix (personaggio che non mi è mai piaciuto particolarmente) contro questo Topistrel.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...