Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 2016 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 1957 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

mercoledì 19 giugno 2013

Salterello anno 2 n.7 1958 Edizioni Il Ponte lire 80 (recensione con storia completa di Franco Aloisi)*****




Finalmente grazie a Salterello posso parlare un po’ del grandissimo Franco Aloisi, il più sottovalutato autore del fumetto umoristico italiano. Tralasciando quel che c’è scritto su Wikipedia e su tutti gli altri blog a fumetti dello stivale penso  che la caratteristica principale di questo cartoonist sia l’originalità. E’ un vero peccato che questo surreale e comicissimo artista   abbia abbandonato il mondo del fumetto da anni per dedicarsi esclusivamente  alla pittura come tanti suoi colleghi.

I testi e le sceneggiature di Aloisi trasudano genio e follia, storie che non sono invecchiate neanche un po’ e se sanno di antico hanno lo stesso gusto di un buon vino d’annata.
Parlando di Salterello, è una delle prime pubblicazioni di Renato Bianconi di soli 34 numeri pubblicati sino al 1959.
Il personaggio principale era originale, non sono tantissimi i canguri del fumetto italiano: Il Kocho amico della Peppa, Dusty che anche se disegnato dallo Studio Bierreci non era nostrano e il primo Serafino di Egidio Gherlizza che pian piano si trasformò in una sorta di canide antropomorfo.

Tranne Luciano Capitanio gli autori coinvolti e le storie hanno più uno stile Alpe che Bianconi.

Recensiamo:

Salterello: Gli dei hanno i passi lunghi (testi e disegni di Franco Aloisi)****

Comprimario fisso di Salterello è Paperetto, come si sa Bianconi nei suoi fumetti voleva sembre un gatto o un papero (al massimo un topo). In questa avventura abbiamo a che fare con statue di divinità greche che prendono vita e scienziati pazzi. Per quanto riguarda le capacità analitiche Topolino a Salterello gli fa una sega, il marsupiale a quanto pare ha una potenza deduttiva superiore a quella di Sherlock Holmes. Da notare che: nessuno dei personaggi inventati da Aloisi somiglia a qualcosa di stampato prima e vi sfido a trovare l’ispirazione della storia o qualche rimando, tutta farina di Franco. Leggi Aloisi e leggi qualcosa che nessuno ha mai scritto prima. Garantito.



 

Sirenetto: L'amicizia vale un...tesoro (disegni di Luciano Capitanio)*** 
Sirenetto è un altro personaggio andato nel paradiso della carta e che penso non ricordi quasi nessuno. Una versione maschile della novella di Andersen adatto ad un pubblico di piccini. A quei tempi era qualcosa di originale e mi da l’impressione che anticipi qualcosa dell’Ariel disneyana come nel caso  dell’amicizia con un piccolo polipo con complessi d’inferiorità. Nella media delle produzioni dell’epoca.



Salterello: Una moglie terribile  (testi e disegni di Franco Aloisi)*****e più
Il capolavoro dell’albo che non posso esimermi dal proporre per intero (sono passati cinquantacinque anni e nessuno si è mai preso la briga di ristampare questi gioiellini).

Non la recensisco nemmeno voglio che siate voi a saggiare il fumetto e farvi la vostra opinione. A me ha sbalordito per originalità e ammetto che mi ha fatto sorridere come non facevo da tempo davanti ad un foglio di carta stampata (ultimamente ci sono riuscite soltanto Le Suore Ninja di Davide La Rosa )









Orecchione  e Bretella : Un dente ribelle (disegni di  Gino Gavioli)***

Coniglio e Orsacchione protagonisti di una storia di maniera con scherzetti e truffe da manuale. 
Niente di memorabile ma pur sempre una lettura piacevole e tratteggiata bene da Gavioli che ci ha dato di meglio.



Salterello: L'uomo Mascherato  (testi e disegni di Franco Aloisi)****
Altra storia divertentissima dove un ragioniere del catasto impazzisce dopo aver letto la collezione di Phantom di Paperetto e imbratta tutti con il suo timbro rubato in ufficio.



Le vignette di Mario Sbattella (ovvio)




Penna Rossa : I ladri (disegni di Luciano Bottaro o Marco De Sogus )****
Dulcis in fundo una storia di Penna Rossa del maestro di Rapallo.
Il piccolo indiano è alle prese con i due pellerossa Testa Vuota e Dente Cariato che sono convinti antiprogressisti e rubano e distruggono tutto quello che nell'accampamento è di produzione yankee.


Questo è l’unico albo che ho di Salterello e se non fosse per i prezzi proibitivi e per l’effettiva rarità degli  albi reperibili  sarei felice di completare  l’intera collezione

8 commenti:

  1. Bellissimo post. Posseggo diversi numeri di Salterello, e sono strepitosi. Mi pare che ci siano anche altri personaggi di Aloisi nella testata, come Gatto Aloisio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Gatto Aloiso l'ho intravisto nell'albo di Trottolino che ho recensito un pò di tempo fa, la guida del Bono dice che era pubblicato anche su Salterello.

      Elimina
  2. Magnifico numero di Salterello.
    Ma una domanda: Sirenetto non mi è familiare... mi sembra d'averlo visto da qualche parte, ma non riesco a focalizzare dove

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente sarà stato ristampato in qualche albo bianconi degli anni ottanta

      Elimina
  3. Grazie a questo post ho scoperto che mio padre ha disegnato anche "Penna Rossa"... grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego e grazie per essere passata, se vi serve la scansione della storia per motivi d'archivio basta chiederlo.

      Elimina
  4. Se non è troppo disturbo, accetto volentieri la tua offerta. Tu o qualche altro visitatore del tuo interessante blog sa dirmi se esistono altre storie di "Penna Rossa" disegnate da Bottaro? Grazie di tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sinceramente non ne ho idea, anche perchè è l'unico numero di Salterello che ho a disposizione. Vuoi che posto (con il tuo permesso ovvio) la storia per intero sul Blog per dare anche gli altri la possibilità di leggerla o che te la spedisco in E-mail?
      L'unica che può ordinare sulle sorti del materiale del tuo illustrissimo ed amato babbo (ahimè più in Francia che in Italia...il belpaese si sofferma soltanto al materiale Disney da anni e si è perso il piacere di ristampare Pepito, Whisky e GoGo o Re di Picche) sei tu ed io come ovvio m'inchino al tuo volere. :-)
      L'indirizzo del blog è saurilla@gmail.com.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...