Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (18) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1977 (11) 1983 (11) 1968 (10) 1985 (10) 1988 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1965 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1970 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1957 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1996 (4) 1998 (4) 1954 (3) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

venerdì 19 luglio 2013

Il Pinocchio Story di Geppi Dellisanti reperito da Filippo Tattini.



Il buon Filippo  mi ha gmaillato qualche immagine e delle considerazioni su questo Pinocchio pubblicato per 21 numeri tra il 1974 e il 1976 (più cinque albi speciali) ed edito dall'Edizioni Euro Americane (informazioni prese come al solito dalla solita ed eccezionale Guida del Bono).
Io ricordo di aver letto gli albi di questo personaggio e anche quelli di Tigrotto disegnati da Geppi Dellisanti e da bambino li trovavo gradevoli .
 Il Tattini  mi fa notare però, con occhio adulto, che le tavole, altro non erano che volgari ricalchi.




Ecco il testo inviatomi da Filippo:

"Pinocchio Story"  n. 18 (anno 1) del novembre 1975, interamente disegnato dal misconosciuto Geppi Dellisanti.



Come vedi dalle scansioni e' una riproposizione abbastanza fedele della storia classica di Pinocchio, anche se il disegnatore copia spudoratamente i personaggi di contorno da altri autori. Se  vai  a pagina 28  e 29 dell'albo, il tizio con cui parla Pinocchio e' copiato pari pari da una storia di Massimo De Vita (mi pare una storia di Paperinik, "Paperinik allo sbaraglio" su Topolino nn. 908-909). 

 

A pagina 31 un'indovinello con un tale Anaclerio, abbastanza scrauso e anche qui la macchina in corsa pare copiata di peso da De Vita o Chierchini...



Si continua col plagio con un'altro indovinello dei conigli Tommy e Gimmy, che ho visto da altre parti ma non ricordo dove (sono anni che manco dall'Italia e la memoria comincia a farmi scherzi), ma anche qui si tratta di un'altra prova carta carbone da parte del nostro Geppi Dellisanti.


In quarta di copertina la reclame di un'altro fumetto (mai visto a giro), Tigrotto, con copertina sempre a opera di Dellisanti e qui il modello e' chiaramente Marco Rota (sono sicuro che ha copiato una copertina di Topolino o dei Classici di Walt Disney).

  


Io aggiungo soltanto che Anaclerio mi sembra copiato da  Daffy Duck  e che ovviamente i coniglietti Tommy e Gimmy sono i cloni di Tippete e family della Disney.

4 commenti:

  1. Un momento... è la prima volta che vedo questo Pinocchio!
    Come faccio a non conoscerlo? Non me lo spiego

    RispondiElimina
  2. Sì sì, quel Tigrotto è davvero tanto topolinesco...

    RispondiElimina
  3. Tigrotto sembra proprio Kimba di Tezuka.

    http://tezukainenglish.com/wp/wp-content/uploads/2013/12/sequence-1950.jpg

    Il bello è che nel manga s' mette pure a fare il maestro d' orchestra facendo cantare tutti gli animali ( ma senza vestirsi col frac).
    Sicuramente è una coincidenza, e la fonte di ispirazione sarà stata Topolino. ma molto curiosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, non ci avevo fatto caso! :-O. Comunque ai tempi di Kimba in Italia non si sapeva nulla...uno strano caso :-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...