Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1982 (17) 1981 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 2016 (7) 1964 (6) 1991 (6) 1996 (6) 2000 (6) 1957 (5) 1961 (5) 1970 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2004 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2006 (1) 2017 (1)

mercoledì 3 luglio 2013

Lupo Alberto: Il tesoro dei McKenzie-Sceneggiatura e testi di Francesco Artibani e Tito Faraci-Disegni di Giorgio Cavazzano- McK Publishing-2000-lire 4000*****




Per anni ho letto tutto di Lupo Alberto, da un po’ ho perso il piacere di leggere le opere di Guido Silvestri, forse perché per un periodo l’esagerazione di gadgets, cartoni animati (pregevoli tra l’altro) e chincaglieria varia che viaggiava intorno al pelosone blu mi aveva un po’ sfrantumato gli ammenicoli.
Il Tesoro dei Mckenzie, storia che fù pubblicata per la prima volta su Lupo Alberto dal numero 162 al 165 tra il dicembre 1998 e il marzo 1999, è invece un gioiello, scritto da quei geniacci disneyani che rispondono al nome di Francesco Artibani e Tito Faraci e con i miracolosi disegni  del grandissimo maestro Giorgio Cavazzano.
Sotto la supervisione di Silver gli autori si sono trovati  a loro agio con i personaggi italiani producendo un'avventura  dal sapore Barksiano che racconta le origini della fattoria più famosa dello stivale.
Ieri  risfogliando quest’albo, di grande formato e  pubblicato nel dicembre 2000, ne sono rimasto folgorato.
Il primo pensiero che mi è venuto in mente è stato…se il Lupo piuttosto che essere relegato nel formato strip fosse adesso stampato in volumetti alla Topolino e dato in mano a disegnatori e sceneggiatori capaci potrebbe essere  una sana e gioiosa alternativa all’imperialismo americano?
Lo immaginate un “Lupo Alberto” formato libretto in edicola con un target ragazzinoide benedetto dalla crema  dei disegnatori Disney, Bianconi ed Alpe?
Io lo comprerei.

6 commenti:

  1. Questa l'ho letta e l'ho apprezzato molto!
    Peccato che è andato perduto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non mi sembra un albo irrecuperabile essendo abbastanza recente.

      Elimina
  2. Eccellente Cavazzano, anche se la sua interpretazione di Mosè in alcune vignette mi sembra un pochino troppo lontana dal canone.
    Io credo che la dimensione più giusta per Lupo Alberto sia quella attuale, che ben si presta a storie di lunghezza variabile e a un rimontaggio successivo. Non credo però che nemmeno Lupo Alberto se la cavi benissimo in questo periodo, Silver si offre di fare disegni dietro compenso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non leggo più Alberto dagli anni novanta, ritengo il personaggio abbastanza forte da poter trainare un albo da edicola in cui si potrebbero anche pubblicare nuove storie dei personaggi del fumetto umoristico italiano del recente passato. I disegni dietro compenso non mi meravigliano più di tanto, in America è prassi comune forse soltanto noi italiani siamo abituati ad avere lo schizzo gratis ad ogni occasione celebrativa.

      Elimina
  3. Cavazzano il solito fuoriclasse, Artibani grandissimo artigiano, Faraci è bravo ma a mio parere talvolta si fa prendere la mano col sarcasmo.

    RispondiElimina
  4. Si però anche se ci sono i commenti aggratis se metti na firmetta alla fine sappiamo con chi si discute. ;-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...