Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1957 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

mercoledì 27 novembre 2013

Wolverine di Chris Claremont e Frank Miller-Edizioni Playpress-Lire 8.000-1989***1/2





Logan è il personaggio perfetto.
Un passato oscuro che ogni sceneggiatore può ridefinire.
Un nano irsuto che il disegnatore può tratteggiare nel suo stile personale senza che il character perda la propria identità.
Una versione violenta di Corto Maltese, un Popeye moderno (per un periodo, quello secondo me migliore, era il guercio di Madripoor), uno Zio Paperone Barksiano giovane e irruente nel Klondike, uno 007 lercio, un barbaro, un super eroe, un vigilante, un killer, un samurai, un uomo, un mostro.

Wolverine può essere tutto,  è questa la forza della migliore icona Marvel partorita nei seventies, anche se il meglio della sua saga verrà prodotta negli anni seguenti.
Il volume edito dalla Play Press è uno dei primi esperimenti, dopo di quelli  del periodo Labor Comics e qualche speciale della benemerita Star, di dare “lustro da libreria” alle avventure dei super uomini.


Nel mercato italiano non si era ancora compresa la levatura artistica di quello che i comics americani di massimo consumo avevano raggiunto persino nelle serie regolari, senza tirare in ballo le ormai inflazionate Graphic Novel.
Qualcosa aveva intuito la Rizzoli che aveva iniziato ad intercalare tra classiconi, capolavori  e scemenze autoriali qualche storia o inserto dei personaggi D.C. ma l'avvento degli hypergeek nazionali esperti dell’universo in spandex era ancora lontano.
La miniserie scritta da un prolisso Claremont e disegnata da un acerbo Miller sembra un action della Cannon Group oppure un film di Ninja con i baffoni biondi di Godfrey Ho.



E’ la prima, tra le tante venute dopo e che hanno inflazionato il personaggio, ad analizzare la psicologia complessa di un eroe per caso, un essere umano travolto dalla sua vita dolorosa e travagliata, mutante non solo nei geni ma anche nei sentimenti e le reazioni.


La ricerca d’equilibrio di uno sbandato alla Jack Kerouac che si ritroverà ad essere un futuro Vendicatore.
Forse per il canadese sarebbe stata migliore una “posizione di mezzo”, quelle ombre notturne che nascondono un Punisher o un Moon Knight.


Questa avventura giapponese è un racconto formativo e sembra quasi di vedere l’ultimo samurai di Edward Zwick, prima la mancanza di comprensione dello stile di vita orientale e poi la ricerca spasmodica dell’onore. 


Claremont ha un modo di scrivere che ormai appare obsoleto, troppo didascalico e descrittivo, Miller ha un tratto a volte fastidioso con tanti alti e bassi ma forse la colpa è delle “vecchie” chine  di  Josef Rubinstein.
Nel complesso non ci troviamo di fronte ad un capolavoro ma di sicuro è una lettura sostanziosa e ben costruita.
Consigliato e mi pare che si trovi anche a poco.




5 commenti:

  1. Dovrei avercelo da qualche parte, anche se nella successiva versione Star Comics presa in qualche fumetteria che la vendeva a prezzo stracciato (e la versione Star costava meno di quella Play pur essendo uscita anni dopo, come sottolineato nell'introduzione).
    Che dire? Fa piacere leggere qualcuno che non incensa acriticamente Claremont e Miller, ma io ho un ricordo abbastanza buono di quel fumetto. Non un capolavoro, ben lungi dall'esserlo, ma una lettura abbastanza gradevole, e Miller era molto meglio lì che oggi, laddove oggi sono gli ultimi vent'anni. Ma dovrei rileggerlo, in effetti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho il volume della Play che comunque nelle fumetterie trovi a non più di 3-4 €. Claremont. Io la penso in pratica come te, un buon fumetto niente di più...probabilmente i livelli dei comics attuali mi hanno fatto un pò ridimensionare alcune cose lette in passato.

      Elimina
  2. Quando la Marvel faceva storie degne di quel nome!

    RispondiElimina
  3. Mhh.... sicuro che fosse la Comic Art e non la Rizzoli di Corto Maltese a fare cappellate con gli eroi DC ? ;)
    Si le storie di Claremont oggi fanno ridere, specie quelle ambientate in un Giappone mai più fasullo e pieno di luoghi comuni ( i ninja, i maschi giapponesi che si vestono ancora da samurai e picchiano le mogli in quanto esseri inferiori; per non parlare di come , davanti a un pericolo, invochino sempre il nome di Budda o Amaterasu), ma all' epoca sembravano una bomba, incensate da miriadi di fan come capolavori della letteratura occidentale.
    Anche io lo pensai all' epoca, solo che avevo si e no 12 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! Era Rizzoli...devo usare più google e meno neuroni. Mò aggiustò. Grazie Sam.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...