Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (18) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1985 (10) 1988 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1957 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

lunedì 13 gennaio 2014

American Gods-Neil Gaiman-2001*****



Questa mattina sul bus ho terminato di leggere l’e-book e come per tutte le opere che ho amato il piacere dell’essere arrivato al finale è stato subito seguito da un senso di vuoto e dalla paura di non trovare, nel breve periodo, romanzi dello stesso livello.
Neil ha una gran capacità descrittiva e la dote di immergere il lettore in un mondo concreto, sembra quasi di sentire il gelo di Lakeside ed i colori della giostra di Madison.

Non sto qui ad elencare tutti i pregi narrativi di questo testo liscio, pieno di particolari ma moderno nella narrazione. Centinaia e centinaia di pagine si lasciano leggere in scioltezza senza che mai si senta il bisogno di tornare indietro nelle pagine per qualche periodo confuso o inutilmente arzigogolato. L’epopea di Shadow, gigante buono conteso tra le divinità antiche ed i potentissimi mass media moderni, sembra la parabola dell’essere umano di questo secolo. Il prezzo che abbiamo pagato per il progresso, è stato la perdita dello spirito, inebetiti da internet e televisione, schiavi dei prodotti e non padroni, abbiamo perso l'anima  ed  il senso dell’onore. Una promessa, un rito, nel mondo di Shadow è sacra, come lo era per i nostri nonni che seguivano i dettami della chiesa perché certi dell'esistenza divina. Gli dei del romanzo sono barboni che perdono ogni giorno potere e consistenza, gli uomini li hanno scordati, non pregano più e cosa più importante non fanno più sacrifici in loro onore. La visione di Gaiman è singolare, più che della preghiera una divinità si ciba della paura, del dolore e della morte procurata  in suo onore. Come il dio del vecchio testamento, giovane geloso, violento e vendicativo che distruggeva Sodoma, Gomorra, Babele, l’Egitto,  dispensava diluvi, trasformava gli uomini in sale e richiedeva al buon Abramo il sangue del figlio Isacco. La Bibbia mi ha sempre dato l’impressione di occuparsi di due divinità diverse, una malvagia, selettiva e violenta nel primo testamento e una caritatevole ed amorosa nel secondo.
I Nomadi non si sbagliavano, Il primo dio è probabilmente morto sconfitto dal “buon protagonista” della seconda stagione. Shadow, più che uno dei figli d’Odino è un nuovo Cristo, mi ero chiesto che fine avesse fatto nella narrazione la religione moderna, quella fresca di appena duemila anni, ma non mi rendevo conto che il perdono per  Laura/Maddalena, la “crocifissione” sull’albero della vita, la ferita al costato e  l’attesa del martirio per mano di Chernobog non erano nient’altro che celebrazioni dell’uomo-dio della religione cattolica.
Di tutto e di più potete trovare in rete per avere descrizione analitica della trama con tutti gli elenchi nerd che possono servire, io di mio posso soltanto dirvi che è un libro che merita di essere letto e che al più presto mi procurerò la versione cartacea perché tomi così devono stare in libreria e non dentro un tablet.
Venererò l’idolo di cellulosa bruciando in sacrificio (con goduria) copie di libri  di Fabio Volo.

8 commenti:

  1. Strana coincidenza, ma, ieri, io ho trovato un libro di Volo nel garage mentre portavo negli inferi il cadavere dissezionato dell'albero di Natale. Non ricordo il titolo, ma aveva una etichetta nice price ed era in buone condizioni. Tornato a riveder le stelle, ho chiesto a Crepascola come fosse finito tra la conserva di pomodoro e lo scheletro della culla di Crepascolino il tascabile del noto showman, ma la mia sposa è stata vaga: mia suocera è lettrice onnivora... un prestito di una amica...una cassiera che non aveva il resto di un euro per un caffè ( okay, quest'ultima è una esageraz sorry ).
    Se fossimo in una storia del papà di Morfeo intitolata The Book of Flight si tratterebbe sicuramente di un tomo magico che appare nelle nicchie della esistenza di individui in possesso della luccicanza che attiverebbe siccome catalizzatore. Dave Mc Kean tenterebbe di ridurlo a film che iniziebbe con tanti pupazzi a forma di cono come quelli della vecchia pubblicità della Paulista che marciano al ritmo di We Work the Black Seam dei Police. Ne seguiamo una che si chiama Madison fino a casa sua ed alla sua cameretta dove piange di fronte ad un poster di Clooney che sorride sopra una dida che chiede " What else ? ". Mad sa che qualcosa le manca, quell' " altro " di cui le parla il bel George, ma non sa dove si trovi , come raggiugerlo financo. Ed infine, dopo il crepuscolo, la vediamo camminare sconsolata sulla riva di un lago, nel silenzio, fino a che non scorge un volumetto appoggiato ad un sasso che sembra chiamarla...
    Fuori concorso al Festival di Venezia. Bollato come pretenzioso dalla critica nostrana ed internazionale. Sbadigli del pubblico in sala - altro che Morfeo - grato di guadagnare velocemente - è un mediometraggio - l'uscita. In seguito recuperato come cult dagli aficionados di Gaiman e McK. Amatissimo dai bimbi che ci vedono altro, tanto di più, come sempre.
    So goes life.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finchè Volo in Italia venderà più di Gaiman non crederò più nella fuga di cervelli

      Elimina
  2. Di Gaiman ho letto e apprezzato (molto) solamente "La comica tragedia o la tragica commedia di Mr Punch", ricevuto come regalo natalizio. Ho sfogliato qualche copia di "Sandman" collezionato da un'amica ma i disegni non mi hanno esaltato, non sono il mio genere... Confesso la mia parzialità nell'apprezzare i fumetti, ma che ci posso fare?

    Piuttosto, di Fabio Volo ho letto due libri, "Il giorno in più" (regalatomi anche questo) e "Un posto nel mondo", e mi sono piaciuti entrambi... Io non mi stupisco che Volo venda più di Gaiman, ma che facciano altrettanto Bruno Vespa, Benedetta Parodi, Antonella Clerici...

    RispondiElimina
  3. "American Gods" è il mio romanzo preferito di Gaiman.
    I successivi (e i precedenti) li ho apprezzati, ma a mio parere non raggiungono le vette narrative eccelse di "A.G."
    Comunque secondo me anche il peggior libro di Gaiman vale cento milioni di volte quelli di fabiovolo e brunovespa messi insieme.
    Ma il miglior romanzo di Gaiman a mio parere non vale quanto l'eterna bellezza poesia stupore di Sandman, il suo capolavoro e tra i migliori fumetti di tutti i tempi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo Sandman, ricordo che gli albi li compravo dalla conosciuta anche da te "altroquando" palermitana.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...