Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (18) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1985 (10) 1988 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1957 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

martedì 1 luglio 2014

Braccio di Ferro 386 (1984) recensione di Gaspare Pero


Ecco una recensione come quelle di una volta, o quasi... Ci troviamo davanti a un albo composto tutto da storie di qualità piuttosto alta, il cui recupero consiglio vivamente.


1) Braccio di Ferro: Il tesoro dell'antenato (disegni P. Sangalli) **** - Rovistando in soffitta, Pisellino recupera la mappa del tesoro di Braccio di Pepe, trisavolo di famiglia e comandante di veliero sotto la corona britannica; a suo tempo il pirata Pasqualone cercava di rubarglielo, oggi che a cercarlo è Braccio di Ferro, a ostacolarlo co sono i pronipoti di Pasqualone! Peccato che Braccio di Pepe fosse così diffidente da mettere nel forziere soltanto il messaggio che quella mappa era falsa!


2) Grissino: Attenti ai sassi (disegni P. Sangalli) *** - Quando a far rimbalzare dei sassi sull'acqua è un gigante, si tratta di veri e propri meteoriti... Ne fa le spese il battello di Braccio di Ferro, ma anche una nave mercantile che fingendo di trasportare banane, traffica in armi.


3) Poldo: La ricetta della nonna (disegni P. Sangalli) **** - Se Olivia promette di cucinare una certa ricetta per Poldo, e il foglio su cui è scritta vola via per un colpo di vento, state certi che il mangione per antonomasia le studierà tutte per recuperarlo dalla casa della vigorosa vicina dove il foglio finisce. Per poi scoprire che il foglio volato via non era quello della ricetta...


4) Bacheca: Le orme adesive (disegni T. Colantuoni) **** - Impegnato in un periodo di volontariato, Pisellino attacca impronte di scarpe sulle auto che parcheggiano sulle strisce pedonali, impronte dotate di una colla molto tenace, inventata da Bacheca: così oltre alla multa, c'è anche a beffa di avere l'auto marchiata per sempre... Purtroppo la perfida strega, aiutata dal suo degno figliolo, commette delle rapine lasciando sul luogo orme adesive, per fare ricadere la colpa sul povero piccino. Un'intuizione di Braccio di Ferro rimette a posto le cose.


5) Trinchetto: Il povero Venerdì (disegni P. Sangalli) ***** - Quasi certamente una ristampa. Naufragato sull'isola di Robinson Crusoe, Trinchetto nota una certa abbondanza di bottiglie destinate agli usi più svariati; in attesa di una nave che lo raccolga, perlustra l'isola finché trova un relitto carico di bottiglie di barbera, che Robinson e il suo servo Venerdì consumano con parsimonia... Senza pensarci troppo, sentendo arrivare una nave, Trinchetto tramortisce Venerdì, lo colora di rosa, si dipinge il corpo di nero, fa uno scambio di vestiti, e resta lui sull'isola a godersi il beveraggio!


6) Timoteo: Sei diventata nera (disegni P. Sangalli) ***** - Olivia raggiunge la spiaggia per rilassarsi e abbronzarsi un po', ma nei paraggi ci sono Braccio e Timoteo che come al solito litigano su tutto, anche sull'olio solare migliore da consigliare alla loro amata...
Sconcerto per i due quando vedono Olivia diventata completamente nera, s'incolpano l'un l'altro sull'olio solare consigliato, prima di decidere di rimediare, immergendo la ragazza, preventivamente narcotizzata, in uno sbiancante e strofinando a fondo... Olivia si affaccia sull'insolita scena, e solo allora Braccio e Timoteo s'accorgono che nel mastello hanno messo una turista del Camerun!

13 commenti:

  1. La storia dell'equivoco in "Sei Diventata Nera" è un classico, ma mi fa sempre sorridere

    RispondiElimina
  2. "Il povero venerdì" l'ho sempre considerata un capolavoro... "Le orme adesive" invece è da ** ... si salvano solo i disegni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me invece la storia ha sorpreso per la cattiveria con cui Bacheca ha sfruttato il volontariato di Pisellino per fare cadere la colpa su di lui...

      Elimina
  3. Ricordo di avere avuto questo fascicolo anni fa. Del resto, Braccio di Ferro non mancava mai in casa mia, così come persino durante il servizio militare ne circolavano parecchi (strano ma vero: non solo pornazzi!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, anche quel gran pezzo di scopa di Olivia ha un suo perché... :)

      Elimina
  4. vi ricordate il titolo di questa storia?

    Un dipendente di una fabbrica di dolciumi viene licenziato perchè proponeva biscotti agli spinaci per diventare più forti, braccio di ferro dopo una partita a golf diventa amico del direttore della fabbrica, lo invita a cena e olivia prepara dei dolci speciali, il direttore chiede e ottiene la ricetta. Olivia e braccio di ferro diventano ricchi ma braccio di ferro non è interessato, olivia diventa sempre più snob, nel frattempo braccio di ferro sotto consiglio del direttore prende come alievo il suo ex dipendente per farne in futuro un compagno di scazzottate. Dopo numerosi pestaggi, alla fine l'allievo supererà braccio di ferro mandandolo all'ospedale. La storia finisce con un braccio di ferro completamente soddisfatto

    RispondiElimina
  5. Io me la ricordo! Il titolo è "A ciascuno il suo", disegni di Sangalli-Fedeli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Agnese Fedeli, fedele inchiostratrice di Sangalli per anni.

      Elimina
    2. Confesso la mia ignoranza in materia: credevo che Sangalli inchiostrasse da sé o fosse supportato da Dossi.
      Ovviamente nel libro "retroniko" ci sarà tutta la biografia anche di costei, vero? :D

      Elimina
    3. grazie, ti ricorsi anche il numero? vorrei recuperarla

      Elimina
  6. Prova con Super Braccio di Ferro n. 188 (15 agosto 1987)

    RispondiElimina
  7. Trovata la prima edizione de "La ricetta della nonna", su Braccio di Ferro n° 91, col titolo "La ricetta che scappa":

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...