Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (18) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1977 (11) 1983 (11) 1968 (10) 1985 (10) 1988 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1965 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1970 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1957 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1996 (4) 1998 (4) 1954 (3) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

mercoledì 31 dicembre 2014

Buon 1995! 8 film di 20 anni fa consigliati per il cenone.


8 film da riscoprire e che possono accompagnare i nostri rutti all'aroma di cotechino e lenticchie?
Io partirei con Casper il bel film di Brad Silberling, gotico quasi come le novelle di Tim Burton e con una giovanissima Christina Ricci. Film di una tristezza infinita, un ragazzino morto che non ricorda il suo passato e che ritorna in vita (beffardamente) soltanto per poco tempo, giusto il tempo di preferire l'aldilà all' aldiquà. Molto meno spensierato dei cartoons di Reit ed Oriolo. Da non vedere con i bambini, per evitare domande pericolose sulla vicissitudini dell'anima  dopo la dipartita che tocca a tutti. Correte il rischio di trovarvi a casa dei futuri Maria Simma.


Dopo potremmo gustarci il  Mortal Kombat,  che  Paul W. Anderson  fece prima di rovinare la saga di Resident Evil con films che con il videogame non c'entrano una mazza e che sono solo mero pretesto per dare un lavoro sicuro alla moglie Milla Jovovich. Questo è un mio cultone personale che vidi al cinema e mi lasciò soddisfatto per l'aderenza alla trama del sanguinolento software di Ed Boone. Peccato che Mortal Kombat non sia più famoso come un tempo perchè oltre alla web serie su Youtube mi piacerebbe rivedere Scorpion e Goro che si menano con gli FX di adesso.



Demon Knight (Il cavaliere del male). Questo lo passano almeno una volta l'anno nelle notti di Italia 1. Bel filmazzo horror senza pretese tratto dai comics dei Racconti della Cripta. Il solito assedio con lo sborone Frank Brayker (William Sadler) che prende a mazzate un esercito di demoni nella sana tradizione dell'Evil Dead di Raimi (quello vero).
Consigliato anche il seguito "Bordello of Blood" (il piacere del sangue) dove ormonicamente spicca una sensualissima Angie Everhart.


Crying Freeman, tratto da uno dei miei manga preferiti, tra i primi arrivati in Italia e pubblicato dall'emerita Granata Press tra il 1991 ed il 1993 e ristampato da Panini nel 2006. L'uomo libero che piange di Kazuo Koike era un personaggio complesso, anche la serie a fumetti non era di facile trasposizione ma Christophe Gans e Mark Dacascos (forse nella sua migliore interpretazione) semplificando al massimo il canovaccio stampato realizzarono una pellicola gradevole e ben fatta.


Cult massacrato dalla critica ufficiale e floppone alla cassa. Tratto dall'anarcoide fumetto di Jamie Hewlett questo film  di Rachel Talalay è una vera chicca da riscoprire anche se meno Punk dell'opera d'ispirazione. Colore, Stupore come direbbe il vecchio spot delle Tv Synudine. Un petardo da far scoppiare a mezzanotte. Fantastica la colonna sonora con pezzi di Veruca Salt, Iggy Pop, Hole, Bush, Bjork e chi più ne ha più ne metta.


Pronti a morire, di Sam Raimi. Prima che Tarantino rimettesse mano a Django, l'ultimo spaghetti western di un'altro appassionato americano. Scarso al botteghino, come quasi tutte le cose più belle. Una visione che scorre "quick" e che di sua volontà non vuole "ballare con i lupi". Bello stereotipato e di genere. 


Non è vero che non esiste più la commedia all'italiana, è il pubblico caprone che l'ha uccisa, perle come questo film amarissimo di Leone Pompucci ne sono la prova. Strepitosi tutti Paolo Villaggio, Marco Messeri, Antonio Catania e persino il da me mai amato Diego Abatantuono. Volete sapere cosa succede dietro le quinte del vostro costosissimo cenone di fine anno? Guardate questo piccolo capolavoro acido.

8 commenti:

  1. Con Abatantuono mi sono piaciuti solo Mediterraneo e Nirvana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me nemmeno quelli. Anzi Mediterraneo è un film gradevole che senza Abatantuono sarebbe stato meglio. Nirvana è stato cancellato dai miei neuroni per inconsistenza, troppo presi dall'eccellente Strange Days.

      Elimina
  2. Che annata il 1995!
    Nel frattempo buon anno Salvatore!

    RispondiElimina
  3. Alcuni film sono davvero smaccatamente anni '90, tipo Mortal Kombat (che sinceramente non amo molto nemmeno come videogioco, se non per le fatality :p), Tank Girl (fumetto strepitoso, film classicone anni '90) e Crying Freeman (fumetto bello e film sempre di quell'epoca^^)
    Ancora molto bella, hai ragione, la commedia all'italiana. Resisteva prima della deriva dei Natale a, che hanno ucciso pure i cinepanettoni (Vacanze di Natale)

    Buon 2015, e buona fine dell'anno^^

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Auguri a te, Salvatore !
    E anche a Retronika :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...