Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1957 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

lunedì 4 aprile 2016

Avengers Age Of Ultron (U.S.A. 2015) ***1/2


Bello da vedere, emozionante ma nulla di trascendentale. Scorre con gli stessi tempi del primo: ottimo prologo, centro tranquillo e botti finali. Mi ha divertito ma un po' di cose non  mi sono andate giù. Capisco che il Marvel Cineverse sia alternativo a quello dei comics, ma  Scarlet e Quicksilver li ho visti veramente troppo distanti dalle controparti di carta. Wanda Maximoff è da sempre una delle più gnocche del mondo in spandex, sta ragazzotta emo che pare scappata da un centro sociale (Elizabeth Olsen) non ce la vedo proprio.


Aldilà delle considerazioni estetiche, ricordiamoci che i poteri di Wanda sono relativi all'alterazione delle probabilità, non è Noa di Bia la sfida della magia, fa la strega per contratto ma le sue caratteristiche mutanti sono particolari e quasi indefinibili, uno dei personaggi più difficili da trasporre in pellicola. Il character nel film sfoggia un incrocio di qualità che vanno da varie esplosioni, scudi di energia alla Susan Storm, lettura e controllo del pensiero tipo Incantrice asgardiana che non sono in sintonia a quello a cui sono abituato.


Ancor peggio è andata con Quicksilver, a parte il fatto che i velocisti non dovrebbero essere pompati come Aaron Johnson che dai tempi del primo Kick Ass pare che abbia iniziato una dieta a base di cosciotti di brontosauro come Fred Flinstone, gli autori hanno cannato proprio la psicologia. Pietro nei fumetti è sempre stato un borderline, un pelo meno bastardo di Namor, uno che è quasi criminale ma che per amor della sorella tenta di fare il minimo sindacale per stare dalla parte dei buoni. Troppo monocorde e generoso quello del film. Mille volte meglio era stata la lettura di Quickie in "X-Men Day Of Future Past", ringiovanito anche il quel caso (Evan Peters)  ma aderente alla superbia spocchiosa vista nei fumetti.
Per il resto, ottimi come al solito Capitan America e Iron ManHulk un pò di contorno ( e va bene anche questo visto che era la star assoluta del primo film) e splendido l'approfondimento di Occhio di Falco. Non mi va giù come tratteggiano Thor, un deficiente senza possibilità di scampo, non mi è mai piaciuta nana Johansson nei panni di Vedova Nera, brava interprete ma che fisicamente non c'entra nulla, e non sono impazzito come il resto del globo per la prima apparizione di Visione.
Lascio agli altri la ricerca di tutte le citazioni nascoste nel film e prevedo tempi bui se il prossimo Avengers dovrebbe essere con il cast di sfigati che Cap dovrà comandare contro l'ovvio Thanos che farà capolino nella terzo capitolo.

2 commenti:

  1. Che c'ha di retroniko? :-D

    RispondiElimina
  2. Su Quicksilver non sono d'accordo, spocchioso e borderline era quello delle origini (e quello visto durante house of m, prima e dopo) ma durante il periodo dei vendicatori della costa owest e durante la gestione dei vendicatori di Bob Harras Pietro rischia la vita un paio di volte per i compagni di squadra, sia per Tigra che per il cavaliere nero, dimostra inoltre la profonda amicizia con Clint all'inizio della gestione Busiek e Perez, etc
    (Per non parlare della versione vista durante l'era di Apocalisse)
    Diciamo che due ore di film sono poche per farlo evolvere per questo stona.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...