Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 2016 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 1957 (5) 1961 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1) 2017 (1)

lunedì 4 aprile 2016

Recensione Cosmo serie nera n.12 Fantomax "Non temerai altro male" di Luigi Bernardi e Onofrio Catacchio****



In tempi non sospetti, prima che si mormorasse dell'imminente remake di KriminalLuigi Bernardi alla sceneggiatura e Onofrio Catacchio ai disegni, avevano reinterpretato le origini e il mito del primo degli eroi neri. Sono tutti figli di Fantomas i mille assassini che imperversavano nelle edicole sino alla metà degli anni settanta. Di quella truculenta brigata è sopravvissuto il più anonimo e incolore, l'immortale Diabolik di cui ancora non mi spiego il perchè del successo. Vero è che gli altri "minori" non erano graficamente all'altezza del figlio di carta delle Giussani (e Pier Carpi) ma per i miei gusti, meritavano molto di più i personaggi contorti di Max Bunker. Diabolik, senza mezzi termini, l'ho sempre trovato noiosissimo e grigio come i retini che da anni lo accompagnano, per questo adoro il film di Mario Bava che è così POP e colorato che pare una presa per il culo. Torniamo a Fantomas, per conoscere la storia della creatura di Pierre Souvestre e Marcel Allain vi consiglio lo splendido libro di Alfredo Castelli pubblicato da Coniglio editore nel 2011 "Fantomas, un secolo di terrore", lì verrano esauste tutte le vostre curiosità. Fantomax è stato pubblicato prima da BD e Coconino, la X al posto della S è stata messa per motivi inerenti ai diritti (pensateci...Popeyo invece di Popeye...) ed era nato come uno "short" da inserire in un’antologia...ma la potenza della storia era tale che Bernardi e Catacchio decisero di farlo diventare una breve saga.

Un fumetto secco, senza fronzoli che ti colpisce più volte allo stomaco senza proferire parola di minaccia. La storia stessa è una minaccia che in questi tempi dove il terrorismo ci osserva e intimorisce in tutti i modi possibili pare quasi profetica. Fantomax è un’organizzazione che ha un solo scopo, il dominio del mondo, e tutti i mezzi sono validi. Genocidi di massa, armi batteriologiche, crisi economiche, non c'è spazio per morale e rimorsi. Un albo che delizierà i complottisti, più truce e possibile di tutte le armageddon che impestano cinema e comics. Un fumetto che se fosse stato "americano" avrebbe scosso il mondo, diventando virale come tutte le robe yankee che non sempre arrivano a questi livelli. Il compianto Bernardi ha scritto una storia probabile, frutto di ricerca e conoscenza. Catacchio adotta uno stile "freddo" come i personaggi oscuri che animano le tavole. Gli unici guizzi umorali e fallaci sono a capo del redivivo Zanardi, rispettando il character sballato, istintivo e cialtrone creato da Andrea Pazienza. La "riduzione" Cosmo questa volta è quasi indolore visto che anche le edizioni precedenti erano quasi "bicromatiche" e manca giusto qualche spruzzo di rosso. Spendeteli questi 5,50 €.

1 commento:

  1. E c'è pure lo Sconosciuto di Magnus, insieme a Zanardi.
    Curioso però che ogni tanto si scappato nei baloon qualche "Fantomas" invece di "Fantomax "

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...