Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (18) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1985 (10) 1988 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1957 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

giovedì 10 aprile 2014

Record Riot : Potrebbe essere un Marvel Mastroianni...

Il gentilissimo Alessandro Saroglia Gmaila ed io vi propongo:
"se può esser utile, la scritta presente nel fumetto è "RECORD RIOT", ed è relativa ad un ads presente nello stesso. Da quanto ho letto in giro, visto il tipo di pubblicità, parrebbe essere un comic book della Marvel, in basso comunque vi sono i link dove l'ho trovata. (i font sono diversi ma la colorazione degli stessi è uguale al mastroianno, almeno per Record1.jpg)"




http://marvelmasterworksfansite.yuku.com/topic/4474/Those-Wonderful-Ads-in-Comics?page=1#.U0Uz6nC8B5w


http://forbushman.blogspot.it/2013_01_01_archive.html

20 commenti:

  1. Un grandissimo passo in avanti, ora conosciamo che è un annuncio pubblicitario sulle testate marvel americane fino al 1965 in quel periodo il numero di testate marvel se non erro era limitato ad 13 pubblicazioni al mese (questo a causa del fallimento della Atlas nel 57) questo riduce di molto il numero di testate da cui potrebbe essere tratto specie visto che c'erano testate a sfondo western, sentimentale, di guerra ed horror, ad esempio il bimestrale Strange Tales pubblicò solo storie horror fino all'ottobre del 1962 per poi iniziare a dare spazio alla torcia umana, alla cosa e al dottor strange, ma nel 65 torcia e cosa vengono sostituiti con le spy-story di nick fury.
    Andando per esclusione con un lavoro collettivo potremmo individuare almeno la testata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora...che ne direste se dicessi Avengers? La vedova nera in quel periodo aveva un costume verde, Il biondo potrebbe essere Captain America con il cappuccio alzato...ci sono?

      Elimina
  2. Credo di aver sostenuto sin dall'inizio lo stile Marvel dei disegni. Ma le pubblicità dei comic book erano spesso identiche tra Marvel, Dc eccetera. La Dc va esclusa perché, all'epoca, sopra ogni pagina metteva il suo logo, che qui manca. Ma non può essere Capitan America perché il costume è rosso. Plastic Man non può essere perché moro, ma in quel periodo le sue storie venivno ristampate da un editore minore. I miei sospetti, in effetti, sono appuntati su un editore minore di supereroi: ce ne erano tre che pubblicavano all'epoca. Comunque una sicurezza l'abbiamo raggiunta: si tratta di un comic book originale. Non è una cosa da poco, molti sostenevano che fosse un albo italiano (e, in effetti, salvo questo, nel film si vedono solo giornalini italiani).

    Sauro Pen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sauro, qui mi pare nessuno avesse mai pensato che fosse un albo italiano, almeno dai commenti che ho letto ma bhò forse mi sbaglio . Nell'immagine centrale non è che il rosso, scambiato vista la sfocatura per il corpo del nordico, possa provenire dal braccio del tipo di fronte appoggiato sulla spalla di Cap? Nella vignetta precedente, causa caps non molto leggibili nonostante gli sforzi di tutti, non si capisce se zompi in aria il biondo o il verde crinuto (che se non fosse un personaggio creato successivamente...mi pare potrebbe essere scambiato per Doc Samson) . Nella vignetta in basso la signorina vestita di verde (che pare porti una mascherina) potrebbe essere miss Romanoff con uno dei suoi primi costumi, tranne che per quel collettino bianco (se è un collettino). Da qui ho tratto la mia idea non definitiva e che non accendo. Come direbbe Sandro Dossi " sono questioni di lana caprina" . :-)

      Elimina
    2. A si il primo a dire Marvel piuttosto che Dc fosti tu. A Cesauro quel che è di Cesauro.

      Elimina
  3. Lo stile mi ricorda George Tuska, in tal caso potrebbe essere un albo del segmento Thriller della Harvey.

    Sauro Pen

    RispondiElimina
  4. Il supereroe potrebbe essere "Spyman" della Thriller Harvey, quello verde potrebbe essere il suo nemico ricorrente Whisperer. Non è il numero uno, che ho, ma potrebbe essere il numero due della serie (sicuramente lo si può scaricare da qualche parte su internet).

    Sauro Pen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere eccome, è sarebbe pure contestualizzato tenendo conto della tram del film :-). Ma Spyman era biondo sotto il casco?

      Elimina
    2. Però Spyman leggo che il numero 1 è uscito nel 1966 e la decima vittima è del 1965 ( e quindi con scene girate forse prima di quell'anno) forse è qualcosa di ancora più vetusto.

      Elimina
  5. Lo Spyman titolare no, però ha un assistente che veste di rosso pure lui ed è biondo.

    In ogni caso, bisogna trovare tutti i pochi albi della Thriller Harvey e scaricarli da internet (so che ci sono da qualche parte).

    Conosco bene tutti gli albi della Marvel del periodo ed escludio che quello del film provenga da lì, ma lo "stile Marvel" potrebbe essere anche quello della Thriller Harvey perché era diretta da Joe Simon, il vecchio socio di Kirby (aveva lo stesso stile dinamico).

    Il disegnatore più noto della Thriller era il giovane Steranko.

    RispondiElimina
  6. Minchia, hai ragione.

    Sauro Pen

    RispondiElimina
  7. Però la Thriller ha iniziato a pubblicare nel 1965, e bisogna tenere conto che, all'epoca, tutti i comic book erano predatati di circa quattro mesi.

    Sauro Pen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, leggo Spyman Harvey n.1 Sept. 1966 , portarlo a 4 mesi prima fa giugno 1966 ed è sempre più "nuovo" del film, a meno che, e tu ne sai più di me, prima della testata dedicata Spyman non fosse un personaggio infilato in qualche testata antologica (che allora erano molto di moda) e promosso in seguito a titolare d'albo.

      Elimina
  8. In ogni caso, l'unico eroe della Marvel dell'epoca con il costume rosso e i capelli biondi era Giant Man.

    Sauro Pen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazzarola vero èì! Ed il caso vuole che nei Tales of Astonish del 1965 con Giant Man ci siano stati dei Vs Hulk e contro i namoriti che hanno il costume verde...tadadà!

      Elimina
    2. Of Topic: fatto sta che se fosse stato un fumetto italiano saremmo potuti morire e non fare nemmeno congetture perchè per il web la nostra storia baloonara non esiste e su internet nessun patriota condivide la propria collezione perchè ha paura, giustamente, della legge e dei copyright, invece degli Yankees trovi pure i fumetti pellerossa disegnati con il sangue di bufalo e stampati sulla pelle di cavallo. Ci vorrebbe un posto, giusto e legale dove poter postare i fumetti delle nostre collezioni per poter dare agli altri la possibilità di conoscere la storia nostrana dei comics. Ci sono certi siti U.S.A. che sono miniere e trovi tutto con il beneplacito di utenza ed autori.

      Elimina
    3. "I fumetti pellerossa disegnati con sangue di bufalo su pelle di cavallo."
      Questa è fenomenale! :-D

      Elimina
  9. Se stasera trovo il tempo, mi riguarderò tutti i Giant-Man e tutti i Vendicatori (gruppo del quale faceva parte) dal 1964 al 1965.

    Sauro Pen

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...