Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (18) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1977 (11) 1983 (11) 1968 (10) 1985 (10) 1988 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1965 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1970 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1957 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1996 (4) 1998 (4) 1954 (3) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

mercoledì 11 marzo 2015

IL GORILLA LILLA (The Great Grape Ape Show) Hanna & Barbera (1975)


Uno dei miei cartoni animati preferiti che ebbe un certo successo tra noi bamboccini degli anni settanta. Adoravo questo gorillone che aveva come tutore il cagnetto Beegle BeagleCon la tecnica “Asylum”, il gorilla lilla, nacque  sull’onda del King Kong di Dino De Laurentiis anche se era molto più simpatico. Il quadrumane color “Milka” debuttò  negli U.S.A. Sabato 6 settembre 1975 in The New Tom & Jerry / Grape Ape Show




Nella sigla originale si diceva che l’animale fosse alto 40 piedi che non idea di a quanti metri corrispondano. LILLA Essendo così grosso scorazzava sul tetto del furgoncino del suo amico Beegle. Un  cartone on the road , i due andavano in giro nelle country americane terrorizzando tutti, Lilla aveva il cervello di un bambino e ripeteva sempre il suo nome come Hulk, e come il golia di giada spesso combinava catastrofi senza rendersene conto.


Per fortuna, essendo un prodotto per bambini, tutto finiva sempre per il meglio e il peloso colosso diventava l’amicone del popolo. Gli episodi totali del cartone animato furono 32 e fu anche pubblicato un fumetto da Charlton Comics scritto e disegnato da Frank Roberge che uscì per soli due numeri. Alcune  storie in Italia furono pubblicate su Hanna-Barbera Mese di Edizioni Flash nel 1980, anno in cui veniva ancora trasmesso il cartone da mamma RAI.


In America il personaggio ebbe un discreto successo e furono parecchi i prodotti di merchandising. Terminata la serie principale il gorilla lilla nel 1977 fu riciclato con altri compagni ne “Le Olimpiadi della risata” (Scooby's All-Star Laff-a-Lympics), una sorta di sequel sportivo delle Wacky Races con Ernesto Sparalesto, Yoghi, Pixie e Dixie e tutte le altre facce disegnate che conosciamo.



8 commenti:

  1. Lo ricordo vagamente, mai seguito...

    RispondiElimina
  2. Se è del 1975 è uscito prima del King Kong cinematografico, datato 1976. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fab, allora dai siti vari da cui ho preso le info indicavano che i trailer del film del Kong dei 70 in America erano già in giro nel 1975, creavano un pò l'Hype come si fa adesso per i cinecomics et similia. Hanna e Barbera hanno cavalcato l'inizio dell'onda, per questo ho preso come esempio l'Asylum ed i suoi "istant movies" tipo transmorphers prima di transformers. Will e Joseph avranno pensato, l'anno prossimo i gorilloni faranno il botto ed hanno pompato e tinto il loro vecchio Magilla Gorilla. Tra parentesi notavo che Il Gorilla Lilla è vestito quasi come il Bongo di Colantuoni che nasce negli anni sessanta.

      Elimina
  3. Il Gorilla Lilla mi manca...
    Però non ti nego che sto recuperando molte serie della Hanna-Barbara.
    Sono infinite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dall'orso Yoghi agli Erculoidi...
      Da Svicolone a Space Ghost...
      Da Shazzan a Scooby Doo...
      Recuperare tutto è un'impresa più difficile del farlo con i fumetti Bianconi di Braccio di Ferro.

      Elimina
  4. Ricordo il nome, quello sì, ma il personaggio no. Fino alla lettura del tuo post non sapevo nemmeno fosse un gorilla gigante uso King Kong, lo ritenevo un personaggio tipo il precedente Magilla.

    RispondiElimina
  5. Grape Ape! Ricordo alla perfezione anche la sigla musicale!

    RispondiElimina
  6. Che poi, se non ricordo male, il cagnolino risparmiava sulla benza, perché il furgoncino procedeva grazie al gorillone che lo prendeva in mano e lo caricava sulla strada come le automobiline a retrocarica.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...