Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1982 (17) 1981 (16) 1992 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 2014 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1995 (9) 1949 (8) 1990 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1996 (7) 1997 (7) 2016 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 1957 (5) 1961 (5) 1970 (5) 2003 (5) 2017 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2002 (3) 2004 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2006 (1)

venerdì 5 gennaio 2018

Max Graphic Novel - Satanik: sbattito d'ali di vampiro ***


Max Bunker ha sempre creduto nei suoi personaggi e ogni tanto prova a riproporli con risultati alterni. Quest'albo uscito nel 2004 può essere considerato come un ottima lettura popolare, un "numero 232" della serie regolare. Leggendolo scopro che lo spirito di Marny Bannister aleggia ancora tra noi e la cosa non può che farmi piacere. In questa storia, non c'è Wurdalak ahimè ma ritroviamo l'altro vampirone secchiano  chiamato Mjorek che vuole impadronirsi  del ciondolo laser di Satanik per distruggere l'anima dell'antieroina.
Marny ovviamente non ci sta e come entità s'impadronisce del corpo di un'altra biondona invischiata con dei criminali di poco conto. Non racconto come finisce per non spoilerare ma sappiate che a volte una fine può essere di nuovo un inizio. Lucianone è sempre lo stesso e non si fa scappare qualche battutona lercia e grassa alla Superciuk, le tavole di Dario Perucca sono FE-NO-ME-NA-LI! Non ho mai visto una Satanik così bona nelle mani del compianto Raviola. Il maestro è il maestro ma l'alunno ci sa fare...se credessi nella reincarnazione o negli spiriti direi che Magnus va spesso a far visita a Dario per dargli consigli. 
Recuperatelo che tanto costa poco.

12 commenti:

  1. Ce l'ho, preso proprio all'epoca.
    Ottimo numero "conclusivo" visto il "giro" che racconta. Peccato per Wurdalak (W Drakula! XD) ma comunque storia apprezzabile sebbene non nelle mie corde^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Miki, non lo sapevo che Wurdalak era un anagramma di w drakula :-) bella roba!

      Elimina
    2. Io così sapevo, ormai da diversi anni... :D

      Moz-

      Elimina
    3. Beh, il Wurdalak non è altro che il vampiro del folclore russo, caratterizzato dal costruirsi un branco nel proprio nucleo familiare, succhiando il sangue dai parenti... Lo si incontra in Dampyr n° 4 "Notturno in rosso", dove il concetto di "famiglia" viene inteso come "cosca", e quindi è il capo di un branco di Non-morti che vuole mettersi a capo della Kombinatzjia...
      Non so quanto le culture abbiano volutamente anagrammato il nome di un personaggio per coniarne un altro.

      Elimina
    4. Cazzarola è vero e non lo ricordavo, perdo colpi con l'età. Uno dei miei film preferiti è i tre volti della paura di Mario Bava dove Boris Karloff interpreta magistralmente proprio un Wurdalak.

      Elimina
  2. Si, penso anch'io che la Satanik di questo volume sia una delle migliori mai disegnate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la gioca con quelle disegnate dal Romanini, che illustra la gnocca meglio del suo mentore Magnus

      Elimina
  3. Dario Perucca dichiara tra le sue muse John Romita sr. Mi pare di averlo letto in una intervista di Max Bunker. Quando non è chiamato al grottesco di Alan Ford - Kerry Kross, Padre Kimberly etc - DP ricorda il Romitone della Casa delle Idee. Ho letto l'albo quando nelle edicole. Nulla da dire sui disegni. Temo che temi e modo di scrivere di Max Bunker siano superati. Oggi Satanik funzionerebbe se raccontata come il serial tv The Good Wife con l'alter ego di Marny che seduce ed uccide le sue prede presentandosi agli staff meetings di una multinazionale vestita da Prada come il diavolo moderno. Testi di Brian Michael Bendis e disegni di Al Barrionuevo. Formato comic book.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perucca oltre che lavorar per Secchi cosa ha fatto nel campo del fumetto? Mi pare proprio sprecato impiegato come clone del Raviola.

      Elimina
    2. Mi pare che lavori solo per le creature di Max Bunker. Da decenni. E' il disegnatore che ha disegnato il maggior numero di Alan Ford. Ha prestato il suo segno romitiano a Padre Kimberly, Kerry Kross, Beverly Kerr e Pepper Russel. En passant, ieri notte ho fatto i compiti e ho riletto la storia di Satanik dal volume del 2008 che divide con una storia di Beverly Kerr in cui il fantasma di Marny possiede una ragazza in fuga con il suo Clyde e ho notato come il Perruk nel tentativo lodevole di scolpire i tratti del personaggio come fosse una strega involontariamente li ha tirati e slavati in alcune tavole. E' un buon disegnatore e non voleva sicuramente evocare quella immagine, ma ho pensato a quelle dive in età - non solo donne, basti pensare a Mickey Rourke - che chiedono a chirurghi plastici di limare e piallare.
      Ho il ricordo proustiano di un film con un Amedeo Nazzari di mezza età che finge li anni non siano passati e rimedia pure una pallonata nella pancia in spiaggia per impressionare una fan mentre si rassegna all'idea che non farà + il modello, ma il mantenuto di una sua vecchia spasimante. Ricordo un pugno nella pancia anche per un maturo Vic Mature in un film di Vic De Sica. Una idea per il dinamico duo MaxBunker/Perruk: un maturo Dennis Cobb scappa nel crepuscolo dalla casa di riposo per agenti segreti reduci dalla guerra fredda e rincorre i fantasmi di giorni gloriosi in cui una penna nascondeva un laser ed era sempre possibile incontrare una vamp giocando a baccarat al casino'. Le sue fantasie senili attraversano e modificano una banale storia di spionaggio industriale che mira al furto di una nuova e miracolosa crema antirughe. Un po' il Joe Lansdale di BubbaHo-Tep un po' il Nick Fury lisergico di Steranko.

      Elimina
    3. Non sono del tutto d'accordo. Si muove in quel segno, ma innova. E poi anche Romano Scarpa, per fare un nome, si muoveva nel segno della scuola disneiana, ciò non gli ha impedito di essere venerato come Maestro. Curiosamente, le cose che ha fatto su idee e testi proprie non gli hanno dato alcun successo

      Elimina
    4. In effetti negli ultimi anni il suo stile su Alan è diventato più personale anche se ricorda tantissimo l'ultimo Magnus. Lo stile adottato su Satanik, Kerry Kross ecc... però mette più in risalto le sue vere capacità. Ripeto, oltre che a lavora con Secchi il Perruca cosa ha fatto di bello? Mi piacerebbe vederlo libero di esprimersi.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...