Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1957 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

giovedì 14 marzo 2013

Mazinger Z The Arcade Game-Banpresto-1994 ****


  
Nell’agosto del 1994 la Banpresto, nota casa software giapponese, realizzo un sogno per tutti gli appassionati dei robottoni di Go Nagai.
Immaginate uno shoot'em-up dove potete scegliere tra Mazinger Z, Great Mazinger e Ufo Robot Grendizer ( i nostri Mazinga Z, Il Grande Mazinga e Goldrake) con una grafica per i tempi eccellente.
Il plot ricalca i filmoni usciti al cinema negli anni 70 , l’armata robotica della saga Toei che combatte contemporaneamente contro il Dottor Inferno, Il Generale Nero e Re Vega.


 Si possono utilizzare quasi tutte le armi dei giganti d’acciaio, dall’alabarda spaziale al raggio termico.

GRANDE BOOMERANG!

Meravigliosa la colonna sonora con le basi prese dalle serie originali  e i piloti che annunciano con le loro vere  voci  l’uso delle armi.

FULMINE LASER!

 Selezionando la versione giapponese si hanno anche delle scene d’intermezzo ben animate che riguardano i protagonisti degli anime.
Molti cameo si hanno durante il gioco con il Boss Borot che fa capolino a Tokio e Power up che comportano attacchi con l’aiuto di Venus Alpha,  Dianan A o il Delfino Spaziale.
Epico da giocare in coppia , un doppio colpo composto  da fulmine laser e tuono spaziale erano cose orgasmiche.
Il gioco è composto da otto livelli che devono essere finiti due volte per gustare il finale.

 

Alcuni boss finali sono stati creati ad hoc per il videogame, ad esempio a New York abbiamo un incazzatissima statua della libertà


  nell’ambientazione aerea un prototipo di Mazinkaiser ancora più demonico


 a Tokyo  versioni pompate dei classici Garada k-7 


 ed il mitico King Gori che riusci quasi a distruggere quello sborone di Goldrake.


Io ho avuto la fortuna di giocarlo per la prima volta in sala giochi (dove arrivò con notevole ritardo)  e ricordo la mascella che toccava il pavimento alla vista della mitica intro con tutte le fasi di agganciamento di piloti e robot, accanto al coin op c’era persino in bella vista Soul Blade della Namco con il suo strepitoso (per l’epoca) 3D ma non lo cagavo nemmeno di striscio.

RAGGIO TERMICO!

Ringraziamo quel genio di Nicola Salmoria ed il suo Mame, grazie al quale è possibile rifare un salto in sala giochi senza muovere le chiappe dal divano. Salmoria ha inventato il teletrasporto e la macchina del tempo contemporaneamente.


7 commenti:

  1. Mai arrivato nella sala giochi "Las Vegas" del mio paesello... :(
    Sul Mame avevo solamente un Mazinger che si muoveva e combatteva tipo "Double Dragon", quindi usava soprattutto "mazzate" (?!) e pugni atomici, perché l'uso di altre armi a distanza consumavano le sue energie come se venisse colpito. Stranamente il tifone consumava più del raggio termico, era meno efficace ma era l'unica arma che si irragiava a ventaglio...

    Domande sul gioco recensito:
    - il Goldrake usciva dalla sua navicella?
    - era tutto a scorrimento verticale e combattimenti in volo? Praticamente uno sparatutto spaziale personalizzato "robottoni"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Mazinger che avevi tu era la versione per super famicom (supernintendo giapponese) e nonostante la grafica minuta mi piaceva un sacco, quello lo voglio recensire prima o poi. Il gioco della recensione era tutto a scorrimento verticale, era uno sparatutto e basta, il goldrake non usciva dalla navicella nel senso che combatteva a mani nude, come power up aveva l'aggancio al goldrake 2 di "alcor". Il grande mazinga si agganciava invece al great booster. Il gioco era bilanciato in maniera erronea, tutti i robot avevano la stessa potenza, ma era un game per jappi che come ben si sa sono filo-mazinga z e poco apprezzavano goldrake e anche il grande mazinga. Per i giapponesi l'unico pilota amato è Koji Kabuto (rio/alcor o come lo volete chiamare)

      Elimina
  2. C'é anche Mazinga Z per Supernes. http://www.youtube.com/watch?v=zEfU-TN0avo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che è per me bellissimo e ne parlavamo sopra, era difficile che riuscissero ad implementare tutte le armi e renderlo giocabile.

      Elimina
  3. Koji Kabuto Forever ... il Primo (lo dice anche il nome pilota d robottoni)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Koji Kabuto è un pilota altamente raccomandato dai favoritismi di sceneggiatura! (ri)Vedere per credere...

      Elimina
  4. Per me il più figo e Tetsuya, perennemente ncazzato.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...