Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (18) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1985 (10) 1988 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1957 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

giovedì 29 ottobre 2015

Cosa ci siamo persi: Il 'Final Fantasy' Square Disney di Kurt Busiek, Del Barras e Mike Mignola (1991)


Stavo sfogliando un vecchio numero Diamond Previews è mi salta agli occhi questa illustrazione pubblicitaria di una miniserie americana basata sul famoso RPG Square-Enix. Nella saga in questione, io sono fermo ancora al secondo cd di Final Fantasy IX sulla Playstation originale. Avendo perso centinaia di ore sui capitoli precedenti ho paura di affrontare qualcosa di videoludicamente così vasto, quindi non ci penso proprio a “aggiornarmi”, anche perché invecchiando, apprezzo adesso cose tipo The Witcher e la manghitudine non mi tira più. Tornando al fumetto, mi pareva strano che in quel periodo in cui ero intrippatissimo e frequentavo ancora le fumetterie mi sia lasciato scappare questo popò di comic licenziato, infatti la serie non fu mai pubblicata. Internet dice: Final Fantasy fu commissionato da una defunta casa editrice di proprietà della Disney, tale Hollywood Comics, e doveva essere la trasposizione cartacea di Final Fantasy IV (uscito negli U.S.A come Final Fantasy II).


Una delle cover di Mike Mignola ritrovate

La Squaresoft aveva dato tantissimo materiale a Kurt Busiek per preparare la sceneggiatura di quattro numeri, che dovevano essere disegnati da Del Barras con copertine di Mika Mignola. Busiek disputò anche qualche partita al videogioco (che nemmeno finì per noia) e come tutti gli imperialisti americani decise di stravolgere la storia, giacché aveva carta bianca dalla software house. Lo stesso Busiek scrive che gli amanti della saga non avrebbero apprezzato l’adattamento, le tavole di Barras erano nello standard del periodo e si salvavano soltanto le copertine del giovane Mignola. Busiek scrive ancora che aveva cambiato anche i protagonisti, non gli piaceva che gli eroi si chiamassero Cecil e Kain (il bravo Caino in effetti non suonava così bene, ma si sa che per i giapponesi Gesù o Ken il guerriero è la stessa cosa). Kurt decise di americanizzare i nomi e rese i personaggi anonimi warriors da Advanced Dungeons & Dragons. Come dimenticare gli orridi adattamenti cinematografici di Super Mario Bros e Double Dragon o i fumetti orrendi di Street Fighter della Malibu (tenendo conto soltanto di brand jappo yankeezati), beh ai tempi gli americani erano fatti così, avevano la mania di occidentalizzare, non capendo in sostanza una cippa, poiché anche i ragazzini a stelle e strisce ormai erano acculturati fan dei manga e degli anime. Comunque, il fumetto doveva essere stampato nel 1992 ma per fortuna la Disney Hollywood Comics fallì prima salvandoci da questo ennesimo massacro. 

10 commenti:

  1. C'è davvero lo stampo dela Fantasy degli anni '80/'90... Nonostante tutto, mi sarebbe piaciuto leggerlo.
    Ultimamente sto recuperando molta robaccia fantasy dell'epoca. Non so dirti il perchè... Forse voglio ritrovare ricordi d'infanzia, chissà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplice nostalgia suppongo. Comunque il fantasy giapponese e quello americano sono due mondi molto distanti, come tu ben sai. Io forse preferisco quello del sol levante, hanno molta più fantasia i jappi nel character design.

      Elimina
  2. In mano ai giapponesi sarebbe venuta fuori la solita serie manga con le tettone, in mano agli americani il classico fumetto fantasy monotono e riempito di pubblicità tra una pagina e l'altra, ma in mano ai belgi o ai francesi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà, ho letto parecchie robe fantasy della Cosmo ultimamente e non mi sono dispiaciute ma Final Fantasy è jappo e deve essere fatto dai jappo. Io però preferisco i manwha coreani, lo Street Fighter e Il King of Fighter che pubblicava Jade (Barbieri) erano strepitosi dal punto di vista grafico, anche se c'erano tantissime licenze poetiche sulla trama, ricordo M.Bison sodomizzato da non ricordo chi.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Final Fantasy di Jodorosky e Rosinsky WOW! Le covers di Franquin no però.

      Elimina
  4. Vorrei mettere anch'io i link dei siti amici nel mio blog (lo si vede nella colonna a lato: "Sauro Pennacchioli piace alle ragazze"), ma non ci riesco. Qualcuno mi spiega come si fa? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se vai nelle impostazioni del blog scegli layout e aggiungi il gadget. Ci sono tutte le robine che vedi pure qua, contatori visite, ecc..Nel riquadro dei siti che segui poi devi aggiungere manualmente con copia ed incolla il link. Se cerchi su google ci sono guide approfondite.

      Elimina
  5. Ringrazio il cielo che non sia mai uscita questa serie aborto fatta da americani ignoranti e arroganti che non sanno adattarsi a idee e culture altrui., producendo solo schifezze ( ricordo ancora gli orribili comics di Street Fighter II e di certe serie anime)
    C'è ancora un pò di giustizia, a questo Mondo

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...