Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1982 (17) 1981 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 2016 (7) 1964 (6) 1991 (6) 1996 (6) 2000 (6) 1957 (5) 1961 (5) 1970 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2004 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2006 (1) 2017 (1)

martedì 25 settembre 2012

Altri cross over francesi: Cucciolo, Beppe, Bibì e Bibò...






Strana rivista Pim Pam Poum Pipo conteneva:
 I Katzenjammer Kids (i Bibì e Bibò del Corriere dei Piccoli)  di Rudolph Dirks insieme agli scatenati Cucciolo e Beppe!
 I disegni come indica Fabrice Castanet su Facebook sono di  Jean Cézard.

7 commenti:

  1. Sicuramente le copertine di questi sono migliori delle precedenti che hai postato.

    RispondiElimina
  2. chi l'ha disegnata l'ultima delle tre? a me sa tantissimo di Carlo Peroni (ma magari è solo uno che ci assomiglia)

    RispondiElimina
  3. Se posso osare:
    Pim Pam Poum Pipo mi ricorda a tratti un giovanissimo Jacovitti, ma proprio a tratti.
    Impressione mia, discutibile

    RispondiElimina
  4. Ma 'sti francesi non c'avevano dei fumetti loro, che venivano a scroccare personaggi nostri (e magari senza pagare i diritti d'autore)?
    Alla faccia della "scuola franco-belga"!

    Che nervoso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erano canali diversi: per i giovinetti e i meno acculturati i fumetti dei "ritals" (che poi in alcuni casi hanno pure continuato loro con materiale inedito), per gli altri i bei volumoni cartonati dopo che il fumetto era transitato su rivista.
      I diritti d'autore li pagavano eccome, solo che a intascarli era l'editore italiano e non gli autori! Così almeno testimonia Carlo Chendi nella prefazione de L'Inverno del Disegnatore di Paco Roca.

      Elimina
  5. Ho aggiunto altre due copertine , come scrive su Facebook Fabrice Castanet i disegni sono di Jean Cézard. Per quanto riguarda i fumetti italiani in Francia dobbiamo ricordare che autori come Bottaro con il suo Pepito o Re di Picche sono più famosi lì che qui da noi.
    Importavano consapevolmente e forse, in quel periodo, apprezzavano e rispettavano i nostri autori più che in italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della fama di Bottaro in Francia sono a conoscenza :), anzi mi spiace che sia difficile reperire albi di Pepito italiani mentre in francese se ne trovano alla stregua dei nostri Geppo!
      Quello che dicevo era se i francesi non avessero dei personaggi fatti in casa loro per riproporre i nostri... Insomma se con i fumetti italiani hanno fatto come noi con gli eroi Disney...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...