Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 2016 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 1957 (5) 1961 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1) 2017 (1)

giovedì 31 marzo 2016

Memorie di un bimbo degli anni settanta



Capitolo 1: L’edicola
Erano troppo lunghi i nostri pomeriggi. Tutto sembra così grande da piccino. Persino il sole d’estate era gigantesco come quello dei cartoni giapponesi, quello che alla fine di un episodio di Ryu, ragazzo delle caverne andava a tuffarsi nel mare arancione o dietro le montagne viola. In Tv c’era la famigerata “pausa” pomeridiana, sino alle 17 niente veniva trasmesso dal primo canale e rai2 era ancora un sogno lontano. Troppo caldo per andare a giocare in oratorio e giù in Sicilia per molti la pennichella era cosa sacra. Che fare?  Tampinavo mia madre e con lo sguardo da Gatto con gli stivali chiedevo: “Mi dai 500 lire per andare in Edicola?” . Il si era la risposta più comune, per fortuna,  e via la corsa giù per le scale!
Come erano belle e grandi le edicole di una volta e quanta varietà!
Mondadori, Corno, Cenisio, Bianconi, Alpe…non sapevo cosa scegliere!
No gli Albi di topolino o le storie di Tiramolla erano troppo smilzi, li avrei divorati.
Quel Classico Disney, troppo caro.
L’Uomo Ragno, troppo infognato con la continuity, non avevo letto l’albo precedente e non ne valeva la pena.
I neri erano noiosi per un bimbo di otto anni, anche se l’edicolante te li avrebbe venduto lo stesso nonostante quell’inutile bollino “vietato ai minori”
Gli erotici ancora non mi affascinavano, com’è giusto che sia.
Allora?
Bustone sopresa, I famigerati 3x1 di Bianconi o una bella raccoltona Alpe o  Cenisio.
Il mio sogno proibito però era il volumone “Io Grande Mazinger” della Fabbri, prima o poi lo avrei comprato, sognavo, fatto sta che non l’ho ancora in libreria, sorbole!



Tornavo a casa trafelato e leggevo per ore, sino a quando Elios non andava a riposare e finalmente si poteva giocare un po’ per strada.

Capitolo 2: I giochi
Mazzate. Questa era la componente principale dei giochi maschi degli anni 70. La guerra con le pietre, come piccoli cavernicoli, quartiere contro quartiere. Come non sia mai morto nessuno è un mistero. I carretti , infernali trabiccoli di legno mossi da cuscinetti a sfera senza freni che scorrevano per strade trafficate alla velocità della slitta di Heidi e Peter. Il calcio onnipresente, la bici da cross ed il mercatino. Con un fazzoletto ti mettevi sul marciapiede, piccolo rom d’altri tempi e mettevi in vendita un Goldrake senza braccia,  i doppioni delle figu e ovviamente fumetti già letti.



Capitolo 3 : Merenda
Non c’era tutta la varietà di adesso in effetti. Ricordo al massimo quattro gusti di Yogurt Galbani, la Girella, i Gran Turchese e gli enormi biscottoni Doria.  Marmellata Zuegg e Nutella non mancavano. Ricordo anche le sottilette di cioccolato Cofflerette. Succo di frutta Billy e Acqua Frizzina per dissetarsi.



Capitolo 4: La Tv
Se c’era una cosa che non sopportavo era il cartone ungherese Gustavo, era in grado di rovinare i miei pomeriggi. Se appariva il suo volto in TV capivo che era una giornata storta. Troppa poca tv per ragazzi, una mezz’ora al massimo, ero felicissimo quando c’era lo sciopero dei giornalisti RAI ed allora in sostituzione del telegiornale trasmettevano i cartoons di Popeye, Looney toons o Tom & Jerry.



Capitolo 5: La nanna
Si andava a letto relativamente presto, la prima serata tv in effetti iniziava alle 20:20 (non come adesso), un film finiva  alle 22 e gli spettacoli si e no duravano 90 minuti. Era una nanna serena, ricordo, pochi rumori fuori dalla finestra, l’aria pulita ed il cuore felice.

23 commenti:

  1. Io invece Gustavo lo adoravo alla follia! Ancor oggi ne fischietto (anzi, canticchio, ché non so fischiare) la sigla! E adoravo anche Balthasar, che mi sa arrivasse dalle stesse desolate lande :)
    Uno che invece proprio non sopportavo - mentre ora lo apprezzo moltissimo!- era Mister Magoo.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sigla è bellissima! Il cartone mi intristiva, parlo di un bambino all'incirca decenne. Vuoi mettere tutto quel grigiume ungherese contro i coloratissimi cartoni U.S.A.? A sto punto preferivo i nostrani Signor Rossi e Grisù dei fratelli Pagot. Europei ma gioiosi. Però a rivederli ora i "Gustavo" non mi dispiacciono. Sai che il Professor Balthazar non l'avevo mai visto? Oppure era stato proprio rimosso dai neuroni. Magoo mi è sempre piaciuto, il film con Leslie Nielsen però è orrendo.

      Elimina
  2. ahahahahahhah, quello dello sciopero dei giornalisti è stato un must fino agli anni 2000!

    ricordo nel '98, ero in prima media, ero a casa con la febbre e non c'era NULLA in tv! poi ad un certo punto su RAI UNO sento la sigla di Darkwing Duck ad un orario insolito: semplicemente c'era lo sciopero dei giornalisti RAI e avevano rimpiazzato il TG1 con il pilot in doppio episodio del cartone disney :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Porca Pupazza mò non scioperano più! Come sarebbe bello uno specialone di Speedy Gonzales o Goldrake al posto del Tg1 o Tg5.

      Elimina
  3. Un bellissimo e struggente amarcord, Salvatore! Però è incredibile come pochi anni di differenza (io sono del 1976, tu immagino di qualche anno prima) abbiano portato a degli immaginari un po' diversi: pur se mi riconosco in tante cose, nonostante la differenza geografica, io questo Gustavo non so chi fosse e mai avrei pensato che esistessero le sottilette di cioccolato!
    Gli scioperi dei giornalisti (o più in generale i buchi di palinsesto da riempire) erano una manna, ne convengo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sottilette al cioccolato googlando ho scoperto che si chiamano cofflerette, e non erano a quanto pare della Kraft. Io sono del 1971. Di Gustavo su youtube trovi un bel pò di corti e in effetti con l'occhio quarantenne mi pare un pò meglio di quel che ricordavo.

      Elimina
  4. Si, Balthazar e Gustavo erano stupendi. C'erano un sacco di cartoni "satirici", io mi ricordo vagamente questo di Hannah & Barbera:

    https://www.youtube.com/watch?v=ecQkZ_xIQJQ

    Una specie di "famiglia Mezil" americana, con protagonisti fisicamente abbastanza sgradevoli, millenni prima di Simpson e Griffin.

    Poi, per rimanere nell'ambito delle "matte risate", qualche anno dopo c'era questo:

    https://www.youtube.com/watch?v=6DiipkmVxec

    Che mi piaceva da matti anche se in effetti a rivederlo ora sembra a volte eccessivamente stupido.

    E si potrebbe continuare per ore ma se dovessi indicare i due capisaldi della prima infanzia televisiva direi U.F.O. e l'Unico Vero Zorro (Guy Williams) con il primo doppiaggio e la prima versione della sigla, non quella rifatta negli anni 90.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono dell'87 e di questi show non solo non li ho mai visti, ma prima di oggi non li ho nemmeno mai sentiti nominare!

      solo la famiglia Mezil perchè ne aveva parlato tempo fa il DocManhattan

      Elimina
    2. Belissimo "Aspettando il ritorno di Papà!" , un sacco di anni avanti, sembrano più strips del New Yorker che cartoni di Hanna & Barbera. Ho ricordi vaghissimi è l'impressione che sia stato scarsamente replicato negli anni. Questo è il bello di questi post, idee mie e degli altri che trasformano un rigagnolo di ricordi in oceano! "Le rocambolesche avventure di Robin Hood" televisive di Mel Brooks erano millemila volte meglio del film uscito un secolo dopo. Come era bona Misty Rowe!

      Elimina
  5. Mi hai ammazzato di nostalgia. Ma Gustavo non mi dispiaceva. Mi intristavano un po' invece i cartoni inglesi di Halas & Batchelor (Re Artù, mi sembra).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordo niente di Halas e Batchelor negli anni 70. Ricordo "Arthur! and the Square Knights of the Round Table" questi qua

      https://en.wikipedia.org/wiki/Arthur!_and_the_Square_Knights_of_the_Round_Table

      che adoravo!

      Elimina
  6. Io sono nato a fine anni anni ottanta... Mi ha fatto piacere leggere la tua infanzia. Queste sono sempre letture che fanno bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sugli anni 80 prima o poi faccio una roba simile.

      Elimina
  7. Ahh non ero solo io che da piccino mi intristivo a vedere Gustavo !
    Mi intristivano anche il Dottor Bubò ne"la banda di Rockfeller" o tanti cartoni russi....
    Adesso da adulto, li adoro e rimpiango tutti!
    Chissà quand'è che si cambia dentro.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Madonna cosa hai tirato fuori..il Dottor Bubò! Mi state dando materiale retroniko da favola!

      Elimina
  8. Nei miei più vecchi ricordi televisivi c'era già Raidue, ricordo che i programmi iniziavano verso mezzogiorno con quella specie di antenna-arabesco che scorreva...
    Di tv dei ragazzi ricordo qualcosa di robotico dopo pranzo (Mazinga Z e Astrorobot) e nel tardo pomeriggio c'erano Supergulp, Tre nipoti e un maggiordomo, forse anche Furia e Lassie...
    Di cartoni animati ungheresi ricordo soltanto le varie serie della Famiglia Mezil, testimonial dei supermercati Vegé...
    Merendine: Girella, Crostatina, Fiesta e Kinder Brioss che non aveva mai davvero quei due strati di crema al latte mostrati sulla confezione. Il tutto quando non c'era la fetta di pane pugliese farcita di nutella o di burro&marmellata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pane Burro e Marmellate resta la merenda più buona del mondo. Dopo pranzo mi pare dessero gli Astrorobot, Mazinga Z lo ricordo nel pomeriggio inoltrato.

      Elimina
    2. Boh, ricordavo dopo pranzo perché riuscivo a vederlo grazie al fatto che a quell'ora papà era appena andato a lavoro oppure stava finendo il turno, non ha mai apprezzato che vedessi tutti i giorni "gli stessi pupazzi"...

      Elimina
  9. Bell'antologia di ricordi, che in gran parte sono anche miei ( avendo comunque dieci anni in più sul groppone quel che Salvatore viveva a fine Decennio io lo vivevo all'inizio... ).

    Gustavo a me piaceva moltissimo, forse anche perché ero già in età di afferrarne la satira garbata a certe convenzioni...ma poi mi era proprio simpatico lui, anche come aspetto fisico.
    La mia personale bestia nera erano invece i cartoni Hanna&Barbera ; non ho mai amato quello stile grafico e quell'animazione 'scattosa'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si quando il duo magico passò dai corti da cinema a quelli televisivi il crollo della qualità delle animazioni fù impressionante. Eppure quando beccò un episodio di Braccobaldo lo vedo volentieri. Come scrivevo sopra, Gustavo visto adesso mi garba ma ai tempi era una stilettata alle chiappe degli occhi.

      Elimina
    2. Stilettata con quel che segue è da antologia :))))

      L'equivalente delle tue stilettate, ma in un'altra parte anatomica, me lo dava il blablabla degli H&B ( altro aspetto che non ho citato prima ).
      Braccobaldo compreso, sorry...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...