Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1982 (17) 1981 (16) 1992 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 2014 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 2016 (7) 1964 (6) 1991 (6) 1996 (6) 2000 (6) 1957 (5) 1961 (5) 1970 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 2017 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2004 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2006 (1)

giovedì 1 gennaio 2009

Worzel Gummidge lo spaventapasseri














Nata da una serie di romanzi di Barbara Euphan Todd, questa splendida serie tragicomica del 1979 racconta le avventure di uno spaventapasseri vivo che ha disposizione una serie di teste "specializzate".Ogni testa di Worzel consente di eseguire una certa abilità o soddisfa una particolare occasione. Se lo spaventapasseri deve cantare, ad esempio, mette la capoccia cantante, se deve leggere, la testa di lettura e così via.
Worzel è interpretato da un davvero irriconoscibile Jon Pertwee (ex Doctor Who).
Il make-up era applicato in un processo di ben sei ore ogni giorno,
Worzel vive in un campo di grano ma va spesso a visitare il vicino villaggio di Scatterbrook. E' amico di due bambini, Jhon (Jeremy Austin) e Sue Peters (Charlotte Coleman) , che non tratta sempre benissimo.
Worzel parla la propria lingua lo Zummerset dialetto Worzelese .
Egli è follemente innamorato di Zia Sally, una crudele bambola da fiera che si ritiene signora troppo per bene per un comune spaventapasseri.
Zia Sally (interpretata da Una Stubbs) spesso sfrutta Worzel per i propri fini, con false promesse di fidanzamento e matrimonio.
Il Paese dove la serie ha avuto maggior successo è la Nuova Zelanda, dove furono prodotti e girati parecchi episodi.













Un Cult per noi ragazzini degli anni 70.
Lo spaventapasseri era tutt’altro che bello o rassicurante e quando si staccava la testa faceva anche un po’ senso.

2 commenti:

  1. Che flash!
    Lo seguivo!!! La mia memoria però si limita al volto dello spaventapasseri e al fatto che si metteva a "dormire" come crocifisso al palo...
    A volte pensavo fosse un personaggio di "Pippi Calzelunghe", ma mi pare condividessero solamente il tipo di pubblico cui erano destinati gli episodi.

    RispondiElimina
  2. Una volta non aveva i soldi per scommettere ... lo buttarono fuori malconcio dalla ricevitoria. Erano interessanti tutte quelle teste ...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...