Translate

Time Machine

1975 (22) 1974 (20) 1989 (19) 1976 (18) 1978 (18) 1979 (18) 1972 (17) 1982 (17) 1981 (16) 1986 (16) 1992 (16) 1994 (15) 1968 (14) 1980 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1973 (13) 1977 (13) 2014 (13) 1962 (12) 1984 (12) 1983 (11) 1988 (11) 1966 (10) 1985 (10) 1987 (10) 1995 (10) 2013 (10) 1965 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1958 (8) 1964 (8) 1990 (8) 2015 (8) 1996 (7) 1997 (7) 2000 (7) 2016 (7) 1959 (6) 1969 (6) 1991 (6) 2017 (6) 1954 (5) 1957 (5) 1961 (5) 1963 (5) 1970 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1998 (4) 2005 (4) 1956 (3) 1999 (3) 2001 (3) 2002 (3) 2004 (3) 2011 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1960 (2) 2010 (2) 2020 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2006 (1)

giovedì 1 ottobre 2020

Spotonika 1979

Spotonika, si ho deciso di fare tornare questa carrellata di vecchie pubblicità che non sempre mi fanno venire nostalgia del passato, certi giochi effettivamente mi fanno notare che chi come me è nato negli anni settanta è un animale di altri tempi e prossimo all'estinzione. Un tipo che l'unica cosa che aveva in abbondanza era la fantasia. Per trovare divertenti certi aggeggi in effetti di "genio" se ne doveva avere tanto.

La carrellata inizia con un incazzatissimo Capitan Harlock che ti imponeva di comprare soltanto "arkadie" originali perché quelle del bancarellaro che vendeva anche "cubaita" e "semenza" erano farlocche.

 

Poi l' Atlas Ufo Robot telecomandato della Reel...in pratica si giocava con un aspirapolvere Hoover senza sacchetto e che tratteneva sotto le ruote i capelli di tutta la famiglia.



Ah il "Successo", quello negli anni settanta era roba facile non c'era bisogno di andare a X Factor, il successo te lo vendeva Editrice Giochi.


Uno scatolone pittato, un elicottero di plastica e potevi essere un carabiniere! Altro che i super eroi moderni con le loro tutine attillate. Nei 70s gli eroi avevano la divisa (per i bambini) nelle manifestazioni di piazza, invece, gli universitari ai carabinieri tiravano le molotov.


Pubblicità in blocco per inserzionisti tirchi.


I Legoclone di Italo Cremona. Negli anni settanta comunque a rullare erano i Playmobil che adesso invece sono stati surclassati da Lego e sono in forte affanno.


Mister Muscolo, uno dei miei giochi preferiti, l'antistress per eccellenza, talmente figo che lo hanno riproposto ed  è ancora in vendita. Non ci credevo nemmeno io quando l'ho rivisto nei negozi di giocattoli.


Remi a casa mia non lo inviterò mai, preferirei invitare il Giona di Giorgio Rebuffi, avrei più possibilità di restare intero. Ogni volta che vedo Remi mi gratto gli zebedei.


Netflix dei Flintstones.


Galaxy serie Atlantic, modellini e action figure meravigliose, Atlantic era "qualità" pura e si era sempre felici se qualcuno te ne regalava un kit di soldatini o robe più "grosse" tipo questi della serie Galaxy o i modellini della serie Goldrake. Atlantic era un azienda che lavorava in maniera certosina, precisi come giapponesi.
Il mio set preferito in assoluto era quello degli antichi egizi 


C1P8 (R2D2) la Harbert (giochi per giocare) prima del "dominio"  GIG era una potenza.


La stampante 3d di Giatrus.


Eh sì...il femminismo tra le bambine non attecchiva ancora. C'era chi era contenta (pare) di avere una Fornarella.

16 commenti:

  1. di questi ricordo solo Mister Muscolo, eppure ne avrò letti di Topolino del 1979.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio selezione 😊 di Big Jim ne parlano tutti

      Elimina
    2. una curiosità: GMail ti ha notificato l'inserimento del mio commento? Da ieri a me non lo segnala più.

      Elimina
    3. No ma ormai faccio tutto via smartphone e mi accorgo subito dei commenti

      Elimina
  2. Il mio Mister Muscolo ha cominciato a biodegradabili e a perdere liquami dopo qualche mese. Non ti dico i pianti... Mi è rimasta solo la testa, che era di plastica dura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo vendono di nuovo da un paio d'anni su eBay e Amazon. Io l'estate scorsa in un mercato rionale in Sicilia ne avevo visti una decina nuovi mi pare a dieci € ma non l'ho preso perché non saprei dove metterlo.

      Elimina
    2. Io lo prenderei, ma poi mia moglie mi ucciderebbe.

      Elimina
    3. Ti strangolerebbe con mister muscolo

      Elimina
  3. Intendevo biodegradarsi, dannato correttore automatico.

    RispondiElimina
  4. Massì che c'è frega ...va bene uguale.

    RispondiElimina
  5. Una buona metà di queste le ricordo e mi pare anche di avercele nei Topolino!
    Se vuoi ti mando delle pubblicità dai Super Almanacco Paperino...

    Davvero, Giona è l'unico che può tenere testa a Remì! 😂

    RispondiElimina
  6. Ho più fumetti Disney che peli nel corpo. :-)

    RispondiElimina
  7. Una ventina d'anni fa o poco meno trovo in un negozio di giocattoli delle vecchie confezioni, un po' vissute ma ancora complete di tutto, di modellini di anime giapponesi della Atlantic. Erano in un cestone di rimanenze, vendute a pochi euro. Ho preso due confezioni di "Vega e i nemici di Goldrake", una di "Capitan Harlock e i suoi amici" e una di "Regina Raflesia e i nemici di Capitan Harlock" (ce le ho ancora intonse in cima a un armadio lontano dalle mani delle mie figlie).
    Poi ho passato la notizia a un mio amico, nostalgico di Atlas Ufo Robot, e si è preso la stessa roba mia più "Golgoth robot di Vega", che io avevo snobbato perchè obbiettivamente troppo sgrauso (secondo me non era nemmeno un vero personaggio della serie ma qualcosa realizzato di sua sponte dall'Atlantic). Poi ha avuto la bella idea (che, ahimè, è mancata a me) di chiedere al titolare del negozio se fosse rimasto qualcos'altro del genere in magazzino e così è riuscito ad accattarsi l'unica confezione di "Actarus e i suoi amici", mortacci sua!

    RispondiElimina
  8. Un pirata che dice ai bambini di non comprare versioni pirata della sua astronave ?
    Solo io noto qualcosa che non va ?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...